Skip to content

Definizione di Calendario ebraico

Il calendario ebraico è formato da dodici mesi lunari collocati nella struttura di un anno solare: Nisan, Ijjar, Sivan, Tammuz, Av, Elul, Tishri, Marcheshavan, Kislev, Tevet, Shevat e Adar. Poiché vi è una discrepanza di poco più che undici giorni fra i trecentocinquantaquattro dell’anno lunare e i trecentosessantacinque dell’anno solare, s’intercala un anno bisestile che contiene un mese in più sette volte ogni diciannove anni. Ciò consente di far cadere la festa di Pesach in primavera e di far combaciare le altre feste con le stagioni agricole. Inoltre i mesi di Marcheshvan e di Kislev hanno durata variabile, a seconda degli anni.

di Dino Fabbrini

Visita la sua tesi » Il matrimonio nel diritto ebraico