Il realismo nella pittura europea del XIX secolo

Autore: Linda Nochlin

Edizione: 1989

Corso di laurea: Conservazione dei Beni Culturali

Che significato abbia una pittura che si affida alla evidenza figurativa più esplicita e più legata alle realtà sociali ed ideologiche, è il tema di questo bel libro di Linda Nochlin. Bello per la chiarezza con cui pone il problema, osservando quanto sia estesa e varia la diffusione di una pittura che nasce dall'incontro, e dallo scontro, fra ideali culturali e bisogni sociali; e per la capacità di non chiudere il quadro storico in una sia pur ampia documentazione di figure maggiori e minori: l'occhio della studiosa arriva fino all'oggi, sino alla pop-art, e tien conto di ogni forma d'espressione, dalla musica all'architettura, dalla letteratura (Zola e Baudelaire, Flaubert e i Goncourt) alle arti decorative e applicate.
Le questioni sociali e le riflessioni ideologiche si intrecciano con i problemi del senso e della funzione delle immagini, del compito dell'artista, del rapporto che l'arte, nel momento in cui si accentua un processo di idealizzazione formale, intrattiene con gli aspetti della modernità, siano essi persone ed avvenimenti, luoghi e cose.
Coubert, Manet, Degas e Monet, e poi i Pre-Raffaelliti, costituiscono i punti salienti di un'analisi che interessa l'America e l'Europa (in particolare l'Italia, la Germania, la Francia e l'Inghilterra), e che non manca di studiare alcune tematiche specifiche (la donna perduta come anti-eroina, la morte, il senso fisico di percezione di cose ed oggetti, il lavoro, la vita famigliare nella sua intimità, e l'eroismo della vita moderna).

Condizioni: Buone

Prezzo: 10,00 €

Note: Testo impiegato per la preparazione dell'esame di Storia dell'Arte Contemporanea. In buone condizioni ma sottolineato. 197 pagine, editore Piccola Biblioteca Einaudi. Prezzo trattabile. Per informazioni contattare: [email protected]

Contatta il proprietario del libro »

Torna Indietro »

Ricerca »

Vendi i tuoi libri »