Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Il decreto Gambino introduce la Par Condicio

16 gennaio 1996

Il decreto Gambino (dal nome del ministro delle Poste e delle Telecomunicazioni), unitamente al Provvedimento del Garante per l'Editoria del 26 febbraio 1996, introduce la "par condicio". Si tratta di norme che delimitano in maniera precisa e ben definita le presenze televisive dei partiti e dei candidati, con particolare attenzione ai tempi di intervento, alla collocazione oraria degli interventi, alla selezione degli ospiti e del pubblico nelle trasmissioni politiche, all'imparzialità del conduttore e del regista. Vengono praticamente vietati gli spot elettorali, mentre viene regolamentata in maniera precisa anche la diffusione dei sondaggi. Il decreto, emesso in vista delle imminenti elezioni politiche, si pone l'obiettivo di garantire un'informazione propagandistica il più possibile completa, imparziale e corretta, che tuteli il telespettatore e che dia la possibilità a tutti i partiti e a tutti i candidati, indipendentemente dalle loro possibilità economiche, di essere presenti in eguale misura sulla scena televisiva nazionale.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

La Pantera occupa l'Università di Roma
  Evento successivo

Dini Presidente del Consiglio