Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Mattei attira il risentimento delle compagnie petrolifere

14 marzo 1957

L'accordo tra l'Azienda Generale Italiana Petroli (AGIP, società dell'ENI) e la National Iranian Oil Company di Teheran per la costituzione di una società a capitale italo-iraniano per lo sfruttamento dei giacimenti petroliferi iraniani, talmente innovativo da apparire rivoluzionario, dirige verso l'ENI attenzioni e risentimenti di allarmante portata. Viene applicata per la prima volta, su iniziativa di Mattei, la formula "75/25", che prevede una divisione degli utili netti al 75% per lo stato produttore e al 25% per la compagnia concessionaria. Questa nuova formula mette in discussione tutti i precedenti accordi basati sulla divisione "50/50" spingendo gli altri governi mediorientali a richiederne la modifica e l'adeguamento. Lo stato detentore delle riserve si trasforma quindi da esattore di imposte a co-investitore: un evento forse più politico che economico.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Al via lo SME
  Evento successivo

La Legge Bassanini