Skip to content

Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Introdotte le norme sull'arianizzazione degli ebrei

13 luglio 1939

La Legge n. 1024 (Norme integrative del R. decreto–legge 17 novembre 1938-XVI, n.1728, sulla difesa della razza italiana) introduce l'ambigua figura dell'«arianizzato». Con questa disposizione si regola la «facoltà del Ministro per l'interno di dichiarare, su conforme parere della Commissione, la non appartenenza alla razza ebraica anche in difformità delle risultanze degli atti dello stato civile». La Commissione per le discriminazioni è nominata dal Ministro per l'interno. In tal modo viene alterato irreparabilmente il rapporto tra giurisdizione e amministrazione, nel senso che la magistratura ordinaria viene estromessa dalle competenze sue proprie, ad esclusivo vantaggio del potere esecutivo. La Commissione infatti formula in segreto e senza rilasciare «copia a chicchessia e per nessuna ragione» un parere motivato, sulla base del quale il Ministro per l'interno emana poi un decreto non motivato ed assolutamente insindacabile, di dichiarazione della razza. In pratica si tratta di presentare qualche testimone o qualche documento artefatto per dimostrare che la propria madre ha avuto una relazione con un ariano, o più semplicemente mettere mano al portafoglio e sperare nel "buon cuore" della Commissione.

Tesi correlate:

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Francia: bilancio sociale obbligatorio oltre i 750 dipendenti
  Evento successivo

La sonda Mariner 4 fotografa Marte