Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Il Parlamento approva la Riforma Dini

8 agosto 1995

Il Parlamento approva la legge n. 335 la cui rubrica è "Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare", nota come riforma Dini. Essa ha quattro obiettivi: commisurare i trattamenti alla contribuzione, stabilizzare il rapporto fra spesa pensionistica e PIL, armonizzare gli ordinamenti, agevolare le forme pensionistiche complementari. Quest'ultimo obiettivo viene perseguito con un ulteriore abbassamento dell'imposizione sul risparmio a loro destinato.La stabilizzazione del rapporto fra spesa per pensioni e PIL è assicurata dall'attribuzione al Governo della facoltà di modificare i parametri di calcolo delle prestazioni. Le pensioni sono commisurate ai contributi attraverso il ritorno al metodo di calcolo contributivo che, grazie ad un legame di natura attuariale fra prestazioni e contributi, permette di rendere flessibile l'età di pensionamento senza pregiudicare l'equità (attuariale) del sistema previdenziale. Secondo la riforma Dini ci si può ritirare in un'età compresa fra i 57 e i 65 anni (e con 5 anni di contribuzione minima) purché l'importo della pensione superi un minimo prestabilito. Chi ha 40 anni di contribuzione può ritirarsi a qualsiasi età.

Tesi correlate:

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Italo Calvino esce dal Partito Comunista
  Evento successivo

La bomba atomica di Nagasaki