Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Hitler a colloquio con Papen esige il cancellierato

12 agosto 1932

Röhm, in rapprsentanza dei nazionalsocialisti, si reca in visita dal cancelliere Franz von Papen; sentendosi rispondere dal cancelliere che egli parlerà solo con Hitler. Il capo delle SA se ne va affermando che «il partito non accetterà altra soluzione» che il cancellierato. Il pomeriggio stesso Hitler, accompagnato da Frick, si presenta a Papen. La conversazione dura a lungo, ma di fronte alla proposta del cancelliere di offrire al massimo il vice-cancellierato e la presidenza del consiglio prussiano, Hitler risponde che non avrebbe farà «la parte di violino di spalla ad un altro cancelliere». Papen ripete che l'offerta di vice-cancelliere serve al Presidente Hinderburg per provare le reali responsabilità di governo del movimento nazionalsocialista. In seguito all'ennesimo rifiuto, Papen, temendo che sia addossata a lui tutta la responsabilità di aver sbarrato ai nazionalsocialisti la strada verso il potere, insiste che l'ultima decisione spetta a Hindenburg.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Legge quadro sul volontariato
  Evento successivo

I colloqui di Salisburgo e Berchtesgaden