Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

L'opinione pubblica italiana è per la neutralità

12 agosto 1914

Il Ministro degli Esteri Di Sangiuliano invia all'ambasciatore a Parigi Tittoni un telegramma in cui è ben descritto il contesto generale in cui il governo italiano riafferma la propria neutralità: «Nella opinione pubblica italiana esistono tre tendenze: la più forte finora è per la neutralità; una corrente molto debole vorrebbe che aiutassimo i nostri attuali alleati; altra corrente più forte di questa sarebbe che attaccassimo l'Austria previo accordo con la Triplice Intesa, ma questa corrente è raffreddata ed insospettita per il fatto che, malgrado la sua supremazia navale, la Francia non abbia ancora attaccato la flotta austriaca». Sin dal 1914 quindi, emergono le prime incomprensioni, i primi "dispetti" diplomatici, tra Roma e Parigi, situazioni che lasceranno sempre entrambe le parti nel dubbio e nel sospetto reciproco: sarà questo il filo conduttore dei rapporti italo-francesi a seguire.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Legge quadro sul volontariato
  Evento successivo

I colloqui di Salisburgo e Berchtesgaden