Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

L'Italia adotta provvedimenti contro gli ebrei stranieri

16 agosto 1938

Mussolini approva, inserendovi modifiche ancora più restrittive, un provvedimento sulla situazione degli ebrei tedeschi, austriaci, rumeni e polacchi in Italia preparato dalla Direzione generale della pubblica sicurezza del Ministero dell'Interno. Vi si vieta «agli stranieri ebrei di fissare stabile dimora nel Regno, in Libia e nei Possedimenti dell'Egeo» (non si fa cenno all'Africa Orientale Italiana, perché l'intenzione è di trasferire tutti gli ebrei proprio lì, nella regione dei Borana, ad un centinaio di chilometri dal Kenia). A quanti poi abbiano ottenuto la cittadinanza posteriormente al 1°gennaio 1919 è, anzi, fatto obbligo di «lasciare il territorio del Regno, della Libia e dei Possedimenti dell'Egeo, entro sei mesi dalla data di pubblicazione del presente decreto», pena l'espulsione dal Regno per quanti allo scadere del termine non vi abbiano ottemperato. Di conseguenza, «tutte le concessioni di cittadinanza italiana comunque fatte a stranieri ebrei posteriormente al 1°gennaio 1919 s'intendono ad ogni effetto revocate». E' considerato «ebreo», agli effetti del decreto, «colui che è nato da genitori entrambi di razza ebraica, anche se egli professi religione diversa da quella ebraica». Ma nulla è previsto sul modo di definire la razza ebraica dei genitori.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Herbert Kappler fugge dall'ospedale militare del Celio
  Evento successivo

Varata la legge urbanistica