Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

Buffarini-Guidi sottopone al Re i provvedimenti razziali

10 settembre 1938

Il sottosegretario Buffarini-Guidi è inviato da Mussolini a San Rossore, dove si trova il re, per conferire con lui intorno ai primi provvedimenti razziali. Questi ne ottiene facilmente l'assenso, una volta informatolo su come il Duce intenda impostare la politica antisemita, dietro l'assicurazione che gli ebrei «benemeriti» della patria non subiranno la sorte di tutti gli altri. Come riferisce al Duce lo stesso Buffarini-Guidi, «Il Re [...] mentre si esprimeva in termini pienamente favorevoli circa i provvedimenti adottati nei confronti degli ebrei di nazionalità straniera, avanzava riserve a proposito delle decisioni adottate contro gli ebrei di nazionalità italiana. [...] Feci immediatamente presente al Re quanto Voi mi avevate ordinato di comunicare e cioè che per gli ebrei di nazionalità italiana sarebbero state fatte precise discriminazioni, attraverso le quali varie categorie (decorati al valore, volontari, mutilati di una delle ultime quattro guerre, minorati per la causa fascista...) avrebbero avuto il riconoscimento delle loro benemerenze. Il Re allora si tranquillizzava completamente e diceva testualmente: "Sono veramente lieto che il Presidente intenda procedere a queste distinzioni, riconoscendo i meriti di quegli ebrei che si sono distinti per l'attaccamento alla Patria" ed aggiungeva: "Ero sicuro che la grande sensibilità, la profonda intuizione e la larga generosità del Presidente avrebbero determinato una tale linea di condotta"».

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

La Convenzione di Berna sul diritto d'autore
  Evento successivo

Pinochet prende il potere