Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

Alleanza Atlantica: de Gaulle vuole più voce in capitolo

24 settembre 1958

Meno di quattro mesi dopo la sua investitura e quattro giorni prima del referendum costituzionale, Il Presidente francese de Gaulle indirizza ai governi di Londra e Washington un memorandum accompagnato da lettere personali. Le sue critiche sono rivolte alla maniera in cui era organizzata e concepita la difesa del mondo libero di fronte alla minaccia comunista. L'accento è messo sul carattere sproporzionato esistente in caso di guerra termonucleare tra i rischi corsi e le responsabilità assunte. Secondo il memorandum, la Francia dovrebbe avere voce in capitolo per l'utilizzo, in caso di conflitto, dell'arma atomica. Washington non si mostrerà molto favorevole a questa proposta così come alcuni altri alleati: Fanfani, per l'Italia, si dichiarerà poco favorevole ad accettare che una differenza sia fatta tra i "pilastri" e le "colonne" dell'Alleanza Atlantica. Il pericolo che la creazione di un direttorio di tre grandi potenze possa ravvivare lo scontento degli altri paesi europei è presente e i risultati ottenuti dal governo francese saranno quindi scarsi.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Bologna: in centomila a convegno
  Evento successivo

Muore Flash Gordon, sopravvive Topolino