Skip to content

Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Il Memorandum d'Intesa sul Territorio Libero di Trieste

5 ottobre 1954

I rappresentanti di Italia, Stati Uniti, Regno Unito e Iugoslavia firmano a Londra il Memorandum d'Intesa sul Territorio Libero di Trieste, con il quale si stabilisce la cessazione del governo militare nelle zone A e B del Territorio Libero di Trieste e la cessione dell'amministrazione della zona A all'Italia e della zona B alla Jugoslavia, con alcuna rettifiche nella linea di demarcazione tra le due zone in favore della zona B di circa 11,5 kmq con 3.000 abitanti e disposizioni che normalizzano la situazione politica ed economica del territorio. L'Italia promette di mantenere Trieste come porto franco ed entrambi i governi si impegnano a non esercitare discriminazioni, ad iniziare negoziati per facilitare i traffici locali e a consentire il ritorno nelle rispettive zone delle persone in esse già residenti.
Il punto centrale del Memorandum è il fatto che costituisce una sistemazione provvisoria, in quanto non si parla di sovranità, ma di passaggio di amministrazione, e ciò permette al governo italiano di non rinunciare ad alcun diritto sulle terre istriane, anche se pochi si illudono di modificare la situazione.

Tesi correlate:

  • L'ambasciata di Clare Boothe Luce in Italia, 1953-1956
    di Costanza Rotilio
  • Il Msi ed il ruolo dell'Italia nella politica internazionale 1948-1956
    di Elvira Allocca
  • Problematiche territoriali e politiche nell'economia del Nordest
    di Davide Dall'ora
  • La linea di politica estera del M.S.I. dal dopoguerra alla fine della prima legislatura
    di Franco Gaspari
Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Napoli-Portici, la prima ferrovia dell'Europa continentale
  Evento successivo

Cinema: The Jazz Singer apre l'era del sonoro