Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

Nuove norme per la contrattazione nel pubblico impiego

4 novembre 1997

Il decreto legislativo, n. 396 emana le «modificazioni al decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, in materia di contrattazione collettiva e rappresentatività sindacale nel settore del pubblico impiego». Tale decreto conferma il mutato atteggiamento nei confronti della contrattazione decentrata che, se prima era vista come una potenziale fonte di spesa difficile da controllare, ora pare assumere la funzione di indispensabile strumento per attuare quelle politiche del personale che in passato le amministrazioni pubbliche avevano gestito con scarsi risultati. Inoltre la riforma sembra accogliere, da una parte, le richieste delle parti sindacali, che, nella piattaforma unitaria per il contratto quadro in materia di diritti sindacali siglata da Cgil, Cisl e Uil il 9 ottobre 1997, sottolineavano l'esigenza di una maggiore incidenza del contratto decentrato; dall'altra, i suggerimenti della Corte Costituzionale, emersi nella sentenza n.309/1997, su un nuovo modello di organizzazione dell'apparato amministrativo, che garantisca anche «il valore dell'efficienza contenuto nello stesso articolo 97 della Costituzione con una flessibile utilizzazione delle finalità di decentramento, snellimento e semplificazione di apparati e procedure».

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Johnson eletto presidente
  Evento successivo

Alluvione in Piemonte