Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

I Carabinieri arrestano il brigatista Giorgio Semeria

22 marzo 1976

A Torino alcune molotov vengono lanciate contro la caserma dei Carabinieri delle Vallette. Lo stesso giorno, con il treno rapido da Venezia, arriva a Milano Giorgio Semeria. Si dice che abbia preso il posto di Curcio alla guida delle Brigate Rosse e sia lui a disporre gli attentati ai carabinieri previsti dalla nuova strategia dell'organizzazione, che abbia deciso di preferire per i trasferimenti i treni alle auto rubate. Ad aspettarlo ci sono un centinaio di carabinieri. Prima che il convoglio s'arresti, Semeria se n'accorge, apre uno sportello e tenta di fuggire. Gli balzano addosso il capitano Francesco Delfino e il brigadiere Atzori. Semeria si divincola, tenta di scappare, l'ufficiale spara e lo ferisce al torace. Era armato, Semeria: aveva una pistola alla cintola. Ma un'altra pistola viene rinvenuta tra i binari del marciapiede. Con lui, probabilmente, viaggiava un altro brigatista, che è riuscito a dileguarsi.
Con l'arresto di Giorgio Semeria, ultimo dei capi storici in grado di contrastare la nuova leadership, che ormai è nelle mani di Mario Moretti, Lauro Azzolini e Franco Bonisoli, i capi dall'interno del carcere continuano a vivere il proprio carisma, ma ormai non influenzano più scelte e strategie delle Br, guidate ormai definitivamente dalle idee e dalle scelte di Mario Moretti.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

La vita è bella vince l'Oscar
  Evento successivo

Via libera ai fondi di investimento italiani