Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Esce Pensiero e Azione

25 maggio 1944

Pensiero e Azione (settimanale politico culturale, Fondatore: il Popolo della città di Pordenone) si presenta ai lettori pordenonesi nel suo primo numero come «un giornale educatore del pubblico, in quanto il suo scopo è quello della discriminazione delle idee giuste, sane e oneste da quelle ingiuste arbitrarie e disoneste».
Il settimanale, a cura della Federazione fascista di Pordenone, è l'organo di stampa del fascismo locale e ripropone le stesse tematiche che la propaganda repubblicana divulga sul territorio nazionale. L'esaltazione dell'idea repubblicana, la comunione di interessi e degli ideali con l'alleato germanico e l'agitazione sistematica del «pericolo bolscevico» sono solo alcuni dei temi trattati dal settimanale pordenonese, che fa dei motti dannunziani (Disobbedisco) e garibaldini (Qui si fa l'Italia o si muore) il substrato della sua propaganda.
Tra le «idee sane e giuste» il foglio fascista annovera quella di una «Federazione europea», dove l'Europa dovrebbe consolidarsi «per trovare sé stessa, eliminando da se tutte le cause dei dissidi interni fomentati dagli ebrei».

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

L'Italia dichiara guerra all'Austria-Ungheria
  Evento successivo

Angelo Moratti diventa presidente dell'Inter