Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Disposizioni sulla capacità giuridica della donna

17 luglio 1919

La legge n. 1176, recante «Disposizioni sulla capacità giuridica della donna», se da un lato sembra favorire le donne, riconoscendo loro una parziale capacità civile (si abroga l'istituto della autorizzazione maritale e quello delle limitazioni agli uffici tutelari), dall'altro lato sancisce il divieto di impegnare personale femminile in tutti i lavori che implichino poteri pubblici e giurisdizionali, o l'esercizio di diritti e potestà politiche, quali ad esempio il ruolo di prefetto, di magistrato, di ufficiale giudiziario, di personale di cancelleria, di personale di segreteria presso il Consiglio di Stato e la Corte dei Conti. Si procede, cioè, ad estromettere la donna dall'esercizio di quelle funzioni pubbliche alle quali è annessa la dignità di "grande ufficiale" dello Stato e, di conseguenza, ad emarginarla anche nell'ambito dell'impiego pubblico, individuando su base normativa quelle attività e quelle mansioni "tipicamente femminili" o "maschili", che contrassegneranno in seguito i ruoli professionali per sesso, relegando le donne nei settori meno redditizi, nonché in quelli più soggetti a crisi di produzione.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

La prima esplosione atomica sperimentale
  Evento successivo

Scoppia la guerra civile spagnola