Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Migliaia di soldati italiani inviati in prigionia

28 agosto 1945

In una circolare diramata dal Ministero degli Interni ai Prefetti e ai questori si indica il comportamento da tenere riguardo i militari della RSI: «Tutti i militari appartenenti alle formazioni repubblicane, di qualsiasi grado, a carico dei quali esistano accertate responsabilità di reati giudicabili dalle Magistrature ordinarie e straordinarie, dovranno essere fermati e posti a disposizione delle competenti autorità.
Gli altri militari aventi grado di ufficiale o di sottufficiale, dovranno in ogni caso essere fermati ed inviati nei campi di concentramento. I rimanenti graduati e militari, dovranno essere sottoposti a libertà vigilata, con l'obbligo della residenza , a meno che non si disponesse di elementi sufficienti per il fermo. Queste norme non si applicano per i militari di qualsiasi arma o grado, di cui gli alleati avessero chiesto la consegna».
Migliaia di soldati vengono così inviati in prigionia nei campi della Toscana sotto l'amministrazione alleata; tutti coloro che hanno ricoperto cariche politiche nella RSI, scampati ai primi giorni della giustizia insurrezionale, sono invece inviati nei carceri in attesa dei processi. Le condizioni dei campi, nella maggior parte dei casi sovraffollati, erano però disastrose: privi di pavimentazioni, con acqua e cibo in quantità nettamente insufficiente, susciteranno presto furiose proteste. I campi rimarranno in attività fino al 1946, quando ovunque saranno istituite delle commissioni discriminatrici.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Firmato il Concordato tra la Santa Sede e il Governo spagnolo
  Evento successivo

Mondadori pubblica Gatsby il magnifico