Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Un decreto sulla cinematografia

5 ottobre 1945

Nel dopoguerra, il primo provvedimento legislativo in tema di cinematografia viene approvato, sotto forma di decreto luogotenenziale (n° 678), dal Consiglio dei Ministri. Si tratta di un decreto che vuole tagliare i ponti con il passato, dichiarando la libertà del cinema dal monopolio statale e la sua entrata nel libero mercato (art. 1). Inoltre la legge prevede un contributo statale ai film nazionali del 10% degli incassi e un'aggiuntiva quota del 4% a quelle pellicole che siano giudicate meritevoli da un'apposita commissione. Non c'è però il coraggio di eliminare le voci relative alla censura, che rimane dunque nelle mani del potere esecutivo.
La conseguenza più significativa di questo primo tentativo di disciplinare la materia cinematografica è l'apertura del mercato nazionale ai film stranieri e pertanto l'invasione da parte dell'industria americana.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Napoli-Portici, la prima ferrovia dell'Europa continentale
  Evento successivo

Cinema: The Jazz Singer apre l'era del sonoro