Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Direttiva Cee sulla pubblicità comparativa

6 ottobre 1997

Il Parlamento Europeo e il Consiglio CE adottano la direttiva CE n. 55/97, che modifica la direttiva CEE n. 450/84 «relativa alla pubblicità ingannevole al fine di includervi la pubblicità comparativa».
In particolare, le disposizioni normative contenute nella direttiva n. 55/97 hanno lo scopo di «stabilire le condizioni di liceità della pubblicità comparativa».
La prima condizione è la non ingannevolezza della pubblicità. Seconda condizione, per evitare che la pubblicità comparativa sia sleale o anticoncorrenziale, è la fungibilità dei bisogni e degli obiettivi sottesi ai beni o servizi confrontati. La terza condizione statuisce l'obbligo di un confronto obiettivo sia delle caratteristiche «essenziali, pertinenti, verificabili e rappresentative», sia «eventualmente» del prezzo dei beni e servizi.
Le altre cinque condizioni attengono ad ipotesi tipicamente concorrenziali, che si esplicitano in: divieto di atti confusori fra l'operatore pubblicitario ed un concorrente o tra i relativi segni distintivi (lett. d); divieto di atti di discredito o denigrazione effettuati con riferimento a segni distintivi, beni, servizi, attività o circostanze di un concorrente (lett. e); divieto di comparare prodotti aventi una diversa denominazione di origine (lett. f); divieto di concorrenza parassitaria (lett. g); divieto di imitazione o contraffazione (lett. h).

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Mussolini impone la fine dello squadrismo
  Evento successivo

Il sequestro dell'Achille Lauro