Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Milosevic vince le elezioni

9 dicembre 1990

Ben sessanta partiti prendono parte alle elezioni in Serbia, anche se sono due quelli che realmente monopolizzano la contesa: l'ex Lega dei comunisti di Milosevic – ora socialista – nazionalista ed imperniata sull'idea della Grande Serbia (la Serbia, è solito dire Milosevic, è ogni zona abitata da serbi) e quello del suo avversario Vuk Draskovic – il Movimento del Rinnovamento Serbo – anch'esso intriso di acceso nazionalismo ed il cui pensiero non è sostanzialmente molto distante da quello di Milosevic (la differenza più evidente è che Draskovic si dichiara monarchico) tanto che in un intervista ha affermato che «i confini – della Jugoslavia, ovviamente - cambieranno solo con la spada».
I quasi duecentomila albanesi del Kosovo non partecipano alla contesa elettorale, anche se tale scelta si rivelerà un'arma a doppio taglio: infatti, da un lato pone l'accento sulle loro richieste di autonomia, mentre di contro produce un'ovvia autoghettizzazione che, certo, non migliora la loro situazione.
Quasi scontato il successo del nazionalista Milosevic.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

Il golpe Borghese
  Evento successivo

La Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo