Cronologia

Cerca nel database degli eventi: Ricerca libera | Cerca per anno

gennaio febbraio marzo aprile maggio giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre
01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Direttiva europea per le firme elettroniche

13 dicembre 1999

Il Parlamento e il Consiglio Europeo adottano la Direttiva relativa ad un quadro comunitario per le firme elettroniche (Dir. 1999/3/Ce).
Una sua prima caratteristica è quella di prendere in considerazione le firme elettroniche nel loro complesso e non il procedimento della firma digitale che pure è il più diffuso. Questa scelta è probabilmente dovuta alla volontà di lasciare agli Stati membri la possibilità di adottare il sistema ritenuto più opportuno, e di mantenere una posizione di "neutralità tecnologica", aperta quindi alla rapida evoluzione nel campo delle procedure di autenticazione.
Lo scopo della Direttiva non è quello di interferire con le legislazioni nazionali ma di stabilire i requisiti in presenza dei quali gli Stati membri sono obbligati a parificare la firma elettronica a quella autografa; per questo essa non pregiudica le normative comunitaria e nazionali relative alla conclusione e alla validità dei contratti né quelle relative ai requisiti di forma.
Essa definisce la «firma elettronica» come «dati in forma elettronica, allegati o connessi tramite associazione logica ad altri dati elettronici ed utilizzata come metodo di autenticazione» (art. 2 para. 1) e il certificato come «un attestato elettronico che collega i dati di verifica della firma ad una persona e conferma l'identità di tale persona» (art. 2 para. 9).
Oltre alla «firma elettronica» la Direttiva prevede la «firma elettronica avanzata» basata su di un «certificato qualificato»; tale firma, oltre a permettere l'identificazione del mittente, rende incontestabile il contenuto del documento informatico attraverso il rilascio di un «certificato qualificato» il quale, dovendo possedere i requisiti particolari previsti dall'allegato I della Direttiva e potendo essere rilasciato solo da prestatori di servizi di certificazione rispondenti ai parametri previsti dall'allegato II, offre un grado di affidabilità maggiore rispetto al semplice certificato.

Tra parentesi è indicato il numero di tesi correlate



Evento precedente

La strage di piazza Fontana
  Evento successivo

L'Italia entra nell'ONU