Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Principi di funzionamento del radar. Analisi teorica e misure del componente Front-End

La presente trattazione riguarda il lavoro svolto durante il periodo di tirocinio in un Azienda specializzata nel settore dell’Elettronica e soprattutto nel settore delle Telecomunicazioni (GEM).
I principali prodotti dell’azienda sono centrati sulla fabbricazione di apparati Radar e Sistemi di navigazione per il controllo del traffico marittimo e terrestre.
Il compito principale dell’azienda è di assemblare tutti i vari componenti (molti dei quali vengono prodotti da altre aziende fornitrici) e collaudare il blocco finito ovvero il Sistema Radar completo. In oltre nell’azienda si effettuano misure di laboratorio su dispositivi di vario genere e su antenne di tipo fessurate per imbarcazioni.
Il mio compito base era quello di apprendere il principio di funzionamento del Radar, sia come parte componentistica, e sia come parte teorica.
La parte teorica in linea di massima teneva conto di molti aspetti :
- Funzionamento teorico del radar
- Frequenze di lavoro del Radar
- Prestazioni del radar descritto tramite l’equazione del radar
- Aspetti importanti sulla predizione del Range nelle condizioni piu svariate
- Problematiche dovute alle condizioni ambientali (Pioggia, nebbia, deboli e intense)
- Problematiche dovute alle interferenze con altri apparecchi
- Problematiche dovute alle riflessioni (Multipath) sia di terra che di mare che dagli ostacoli
- Problematiche dovute alle perdite sia interne che esterne, nonché il rumore
La parte componentistica invece teneva in considerazione l’aspetto descrittivo di tutti gli elementi che costituivano il sistema radar :
- Generatore di impulsi (Magnetron)
- Selettore antenna\ricevitore
- Antenna
- Limiter
- Front-End
- I.F. Amplifier
- Schermo (compreso di circuiteria di controllo digitale)
Dopo aver approfondito questa parte iniziale con l’aiuto del responsabile dell’azienda e di alcuni suoi collaboratori si è passati al dimensionamento di uno dei componenti ed in particolare del dispositivo Front-End :
- Dimensionamento microstriscie
- Dimensionamento Lna
- Dimensionamento Mixer
- Dimensionamento Oscillatore Locale
- Dimensionamento Isolatore
- Dimensionamento Attenuatore
- Dimensionamento Combinatore
Il dimensionamento di questi componenti (interamente in microstriscia) si è svolto tramite un software di calcolo (Mathcad) ed un software di progettazione (Microwave), il dimensionamento su carta di smith, e quindi il dimensionamento manuale era proibito, perciò importante è saper utilizzare bene questi programmi che assistono il progettista.Una volta imparato questo, diventava molto semplice effettuare i vari dimensionamenti con i relativi grafici.
Infine ho completato il periodo di tirocinio svolgendo alcune misure di laboratorio sulla verifica dei parametri che riguardano il Front-End
- Verifica Frequenza Oscillatore Locale
- Verifica frequenza di pulling (con generatore e senza generatore)
- Verifica Banda del Combinatore
- Misura del Noise Figure e Conversion Again
- Misura di Input Power for 1 dB Compression

Mostra/Nascondi contenuto.
PRINCIPI DI FUNZIONAMENTO DEL RADAR ■ IMPIEGHI DEL RADAR ■ FUNZIONAMENTO DEL RADAR ■ FREQUENZE DEL RADAR ■ EQUAZIONE DEL RADAR ■ PREDIZIONE DEL RANGE COMPONENTI CHE COSTITUISCONO IL RADAR ■ GENERATORE DI IMPULSI ■ MAGNETRON ■ ANTENNA \ SELETTORE ■ LIMITER ■ FRONT- END ■ I.F.AMPLIFIER ■ DISPLAY VIDEO

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze dell'informazione

Autore: Roberto Napoletani Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10928 click dal 29/10/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.