Skip to content

Le crisi valutarie che si autorealizzano

Informazioni tesi

  Autore: Davide Pusceddu
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Tullio Usai
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

Negli ultimi anni abbiamo assistito a numerosi attacchi speculativi nei confronti di diversi paesi che, soggetti a continue pressioni dei mercati, alla fine hanno svalutato al propria divisa. Un esempio può essere dato dagli attacchi speculativi che colpirono i paesi europei nel 92' e il Messico nel 94'.
L'aspetto importante di queste vicende è che le valute di questi paesi, almeno apparentemente, non avevano ''bisogno'' d'essere attaccate.
Nella letteratura delle crisi valutarie possono essere distinti sostanzialmente due approcci:
il primo, è individuabile nel famoso modello proposto da Krugman nel 79', nel quale il crollo del regime di tasso di cambio fisso è determinato prevalentemente dall'esaurimento delle riserve della banca centrale, il secondo nella categoria dei ''nuovi'' modelli costo-beneficio il cui maggiore esponente è Obstfeld, che presenta un modello nel quale il governo può essere indotto a rinnegare i precedenti impegni di mantenimento della parità, a causa di aspettative pessimistiche da parte del mercato, se i vantaggi derivanti dall'agire in tale modo risultano essere superiori ai costi di mantenimento della parità stessa.
Questa tesi esamina dettagliatamente il modello Krugman 79' e Obstfeld 94',cercando di evidenziare le forzature che i due autori utilizzano nei loro scritti. Viene inoltre presentato brevemente un modello ibrido dato dall'applicazione delle teorie di Obstfeld su un modello di Krugman.
Viene analizzata dettagliatamente la situazione messicana immediatamente prima della crisi del 94' e una veloce verifica della situazione russa nell'agosto del 1998.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 1 Introduzione Quando il sistema post-bellico dei tassi di cambio fissi crollò agli inizi degli anni ’70, pochi immaginarono quanto sarebbero stati incostanti i valori monetari nell’era seguente di tassi flessibili. Pochissimi anticiparono quanto sarebbe stato difficile prevedere qualsiasi collegamento sistematico tra i movimenti del tasso di cambio e gli impliciti cambiamenti nei fondamentali economici. Nessuna meraviglia, dunque, che così tanti osservatori abbiano richiesto delle politiche che ripristinassero dei limiti sulle fluttuazioni dei tassi di cambio. Molti sforzi recenti nel fissare i tassi di cambio entro zone ristrette si sono risolti, molto spesso, in spettacolari fallimenti che hanno portato a numerose crisi della Bilancia dei pagamenti. Negli ultimi anni, d'altronde, abbiamo assistito ad attacchi speculativi nei confronti di diversi paesi che, soggetti a continue pressioni dei mercati, alla fine hanno svalutato la propria divisa. Ma l’aspetto importante di queste vicende è che le valute di questi paesi, almeno apparentemente, non avevano bisogno d’essere attaccate. Questi attacchi speculativi, come quelli che hanno colpito i paesi europei nel settembre del’92 ed il Messico alla fine del ’94, hanno riacceso l’interesse accademico sulla possibilità di sopravvivenza di regimi fissi o semi-fissi di tasso di cambio e delle forze speculative che forzarono tali regimi. Nella letteratura delle crisi valutarie possono essere distinti, sostanzialmente, due approcci. Il primo, è individuabile nel modello giustamente famoso di Krugman (1979) e nei suoi successivi ampliamenti, nel quale il crollo del regime di tasso di cambio fisso è determinato prevalentemente dall’esaurimento delle riserve estere della Banca centrale che diventa così incapace di difendere la parità. Quando gli investitori hanno una perfetta previsione e il “peg” attuale deve essere abbandonato, la massimizzazione del profitto da parte degli investitori impone che un duro attacco alle riserve estere della Banca centrale avvenga in un certo momento sul percorso dell’economia. Nei modelli classici, in sostanza, si ipotizzava che i governi avessero un incontrollabile bisogno di monetizzare i loro deficit di bilancio e di fronteggiare una crisi quando questo bisogno urtava contro il tentativo di mantenere fisso il tasso di cambio. Nella visione sopra delineata gli attacchi sono inevitabili e rappresentano una risposta del tutto razionale ai targets macroeconomici interni ed esterni persistentemente in conflitto. Il secondo approccio è individuabile nell’ampia categoria dei “nuovi modelli”, il cui maggior esponente è Maurice Obstfeld che presenta dei modelli costo- beneficio nei quali il governo può essere indotto a rinnegare i precedenti impegni di mantenimento della parità di cambio a causa di aspettative pessimistiche da parte del mercato, se i vantaggi derivanti dall’agire in tal modo risultano superiori ai costi di mantenimento della parità stessa. Tali modelli presuppongono l’esistenza di circostanze nelle quali le crisi della Bilancia dei pagamenti possono essere causate da eventi autorealizzantesi piuttosto che dall’inevitabile risultato di politiche macroeconomiche insostenibili. Tali crisi risultano apparentemente non necessarie, poichè conducono al crollo del tasso di cambio che altrimenti sarebbe stato in grado di “sopravvivere”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aspettative del mercato
attacchi speculativi
banca centrale
crisi valutarie
economia internazionale
krugman
mercato valutario
obstfeld
peg
politica monetaria
riserve monetarie
riserve valutarie
speculazione internazionale
tasso di cambio
valuta

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi