Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le alleanze strategiche nel settore automobilistico

Questo lavoro propone un approfondimento riguardo la definizione di azienda e idee imprenditoriali, la definizione di strategia, la crescita e la creazione del valore, le alleanze strategiche quali fonti di crescita, analizzando in particolare il processo di costituzione, le normative, i vantaggi e i costi relativi agli accordi di joint ventures e dunque gli effetti sinergici delle decisioni di alleanza strategica riportando il caso dell’industria automobilistica nelle fattispecie di joint ventures tra Swatch e Mercedes e tra Fiat e General Motors, identificando le determinanti dei risparmi di costo che emergono da:
a) economie di breve periodo derivanti da attività congiunte;
b) riduzioni di costo di breve e medio periodo generate da attività di ottimizzazione tecnica e di benchmarking tra prodotti e tra processi;
c) risparmi di medio e lungo periodo conseguenti ad attività di progettazione comuni.
Partendo dai fondamenti letterari, il lavoro propone e sostiene, dopo aver ben introdotto le dinamiche del mercato, l’ipotesi che esistano rilevanti economie derivanti dai processi di alleanza strategica, descritte e sottoposte a quantificazione nel caso Swatch-Mercedes. Il caso Fiat-Gm, a sua volta, ha quale scopo quello di analizzare le determinanti di queste sinergie, identificando alcune best practices negli approvvigionamenti, nell’attività di benchmarking tecnico tra prodotti e nella progettazione di architetture comuni, che, oltre ai risparmi, portano un miglioramento della qualità, della sicurezza e dell’affidabilità dei veicoli, permettendo di mantenere differenziati i prodotti e i marchi e di ottenere una migliore copertura dei segmenti di mercato.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione a tesi presenta una trattazione ad ampio raggio dalle tematiche attinenti alle alleanze strategiche nel settore automobilistico. Il settore preso in esame rappresenta un esempio immediato della maturità e della difficoltà di sopravvivenza nella battaglia per le quote e per i margini contro le grandi multinazionali. L’oggetto di discussione è dato da una particolare modalità di alleanza strategica, la più nota e la più diffusa, si parla, dunque, delle joint ventures. L’oggetto sostanziale del lavoro, allora, consiste nello studio dell’inserimento di tale opportunità di crescita nel complesso settore automobilistico e nell’analisi degli effetti (benefici e costi) indotti dall’accordo. Allo sviluppo, poi, dell’oggetto seguono una serie di considerazioni relative alla letteratura economica e allo stesso mercato dell’auto, in qualità di premesse per le analisi successive. L’obiettivo del lavoro consiste innanzitutto nel mettere in luce le difficoltà di sopravvivenza, le dinamiche e le evoluzioni del settore delle quattro ruote, sempre più soggetto a una crescente concentrazione e polarizzazione attuata dai colossi industriali. L’analisi prosegue con lo studio delle opportunità di continuità in un settore a margini decrescenti, con lo scopo sostanziale di evidenziare le operazioni di alleanza strategica quale nuova chiave di successo e fonte di risparmi. L’elaborazione della tesi è inoltre spinta dalla ricerca di un modello affidabile finalizzato alla stima del vaore globale di un’alleanza strategica, riportando in tal sessione la quantificazione degli accordi di joint ventures societarie, viste nei casi Swatch-Mercedes e Fiat-Gm. Il lavoro si propone dunque l’obiettivo non esclusivo della individuazione dei driver di crescita e creazione di valore, per mezzo delle alleanze strategiche, o della selezione dei vantaggi e dei costi cui sono soggetti gli accordi di joint venture, bensì allarga l’orizzonte di analisi anche alla stima e quantificazione dei risparmi in chiave di economie, sinergie tecnologico-produttive-commerciali e dei costi di integrazione nello sviluppo comune di un obiettivo. La logica di redazione sottostante l’obiettivo segue dei criteri ben specifici, per i quali, essendo gli accordi di joint venture l’oggetto di analisi, si propone un ampio discorso, dedicato alla L

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Sebastiano Provenzano Contatta »

Composta da 349 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10955 click dal 04/11/2004.

 

Consultata integralmente 69 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.