Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Proiezioni didattiche sul '900. Contemporaneità della filosofia tra Kant e Nietzsche

Come affrontare la filosofia del '900 nella scuola secondaria? Come inserirla nella programmazione annuale?
La proposta avanzata è quella delle "proiezioni didattiche". I filosofi del '900 possono essere visti come proiezioni, sviluppi di "classici" ottocenteschi (Kant, Hegel, Kierkegaard, Marx...).
Dopo una introduzione generale sulla struttura della SSIS la tesi sviluppa l'analisi di una proiezione didattica attuata concretamente in un'esperienza di tirocinio: "Forma e materia nell'etica: Kant e Husserl".

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE 1. L’ESPERIENZA DI TIROCINIO Che senso ha il tirocinio all’interno della Scuola di Specializzazione per l’insegnamento Secondario? La SSIS è nata sulla base di una compenetrazione di dimensione teorica e dimensione operativa. Il principale riferimento normativo per la SSIS è il DM del 26 maggio 1998. Per quanto concerne il tirocinio l’articolo 1 si esprime così: «Ai sensi del presente decreto si intendono (…) per tirocini le esperienze svolte presso istituzioni scolastiche al fine dell'integrazione tra competenze teoriche e competenze operative» 1 . Obiettivo specifico del tirocinio è dunque quello di rafforzare la professionalità dei futuri insegnanti attraverso una formazione sul campo e non puramente teorica. Affinché non si tratti di un semplice apprendistato, ma abbia anche una valenza formativa e di riflessione sull’esperienza didattica esso si articola in due fasi inscindibili: 1. Una fase di contestualizzazione cioè di esperienza di osservazione e azione all’interno di un’istituzione scolastica convenzionata, col supporto di un docente accogliente (Mentore). 2. Una fase di decontestualizzazione cioè di riflessione critica sul proprio tirocinio e di confronto sull’esperienza di contestualizzazione con l’aiuto di un docente di ruolo della classe di concorso, che svolge la funzione di «supervisore». Obiettivi del tirocinio, così come vengono indicati dal regolamento del tirocinio della SSIS di Parma, risultano dunque essere i seguenti: 1. cogliere la complessità della professione docente per saperla decodificare e riprogettare nei suoi aspetti deontologici, didattico-pedagogici e gestionali-organizzativi; 2. leggere criticamente la particolare realtà scolastica nella quale si è chiamati ad operare, cogliendone gli aspetti più caratteristici e significativi; 3. osservare l’attività didattica dell’insegnante accogliente (mentore), inquadrando le sequenze delle sue azioni professionali in flussi che coinvolgono l’intero sistema scolastico; 1 DM 26/5/98, art. 1, comma 1, lettera f.

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Mauro Cinquetti Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8492 click dal 08/11/2004.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.