Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Problemi di valutazione della formazione professionale: indagine sui corsi Fse della provincia di Livorno 1997-1998

L’idea che ha portato alla realizzazione di un progetto di ricerca diretto allo studio della qualità dei corsi di formazione professionale è nata dal desiderio contestuale di presentare una tesi d’impostazione sperimentale, al fine di dare un valore al mio iter formativo universitario, ma anche di offrire una nuova chiave di lettura della formazione professionale.
La quasi totalità dei numerosi testi che affronta le tematiche inerenti la formazione professionale, insistono sulle problematiche di una sua corretta attuazione, sulla ricerca di un’esatta metodologia di raccolta dei fabbisogni, fornendo così una grossa quantità di numeri, formule, a scapito talvolta di un’analisi sociologica degli effetti indiretti della formazione professionale.
Per questo motivo, ho voluto concentrare la mia tesi su una parte dei beneficiari della formazione professionale: “L’area vera e propria del non lavoro o dei senza lavoro cioè della marginalità ed esclusione sociale” dei disoccupati, dei giovani in cerca di prima occupazione, delle donne.
D’accordo con l’affermazione di Berger, secondo la quale "le cose non sono ciò che appaiono" si è introdotti a pensare che compito della sociologia è il superamento del ”senso comune” nell’indagine conoscitiva della realtà.
A tal proposito che rivolto la mia attenzione verso la città di Livorno, che rappresenta per molti aspetti un caso unico nel panorama regionale: per la diversa tradizione della struttura produttiva, per l’intensità dei cambiamenti maturati nell’ultimo decennio, per la rottura che ciò ha provocato nella società locale e nella cultura del lavoro.
In tale contesto socio- economico, si è trattato di valutare come la formazione professionale ha qualificato i soggetti del tessuto sociale della città di Livorno, più in particolare mi sono domandata se l’attività formativa è stata capace di soddisfare i fabbisogni formativi espressi dalle istituzioni socio - economiche, e di aiutare i soggetti formati dai corsi, a far fronte con tutti i mezzi possibili alle offerte del mercato del lavoro per trovare nuove soluzioni d’impiego.
La struttura portante di questa tesi, la parte empirica, si prefigge di valutare la qualità dei corsi di formazione professionale dell’anno scolastico 1997-1998 della durata maggiore di 100 ore, finanziati dal Fondo Sociale Europeo.
A tale proposito ho elaborato un progetto di ricerca che ha come premessa e verifica gli elementi strutturali e sociali della città di Livorno.
Con l’analisi degli” elementi strutturali” ho analizzato l’evoluzione della struttura produttiva e tecnologica dei settori” tipici”, nonché le ricerche svolte per cogliere la domanda formativa (vedi il progetto Excelsior). Con gli elementi sociali, invece, ho ricostruito la successione dei valori che si esprimono nella mutevole struttura delle motivazioni, dei bisogni e delle aspirazioni che formano il “substrato culturale.
Con l’analisi qualitativa sono stati valutati gli effetti diretti o di impatto della formazione professionale, e gli effetti indiretti.
Con l’analisi del tipo qualitativa sono stati valutati gli effetti indiretti e diretti o di impatto formazione professionale. Per questo tipo di analisi è stata condotta un’indagine telefonica, mediante questionario, che si articola in moduli e sottomoduli.
Questo studio dimostra come la metodologia e le scienze sociali possono contribuire all’individuazione dei problemi reali e alla ricerca di una nuova possibile risoluzione e per una progettazione d’interventi futuri
Il ruolo del sociologo va quindi inteso in tal senso: in questa progettazione che comprende le popolazioni interessate, egli interviene curando relazioni tra soggetti del processo collettivo, costituendo da tramite fra questa ultimi, al fine di costituire un costante rapporto di comunicazione tra gli attori del processo.
L’intervento del sociologo è la definizione del metodo, che consiste prima di tutto nell’interrogare una condotta collettiva dal punto di vista del comportamento di cui è portatrice, senza mai perdere di vista l’assunto "le cose non sono ciò che appaiono".

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE In questi ultimi anni, gli orientamenti delle politiche sociali ed economiche comunitarie, hanno fortemente rivalutato la formazione professionale. L’Agenda 2000, Il Trattato d’Amsterdam, il Consiglio Straordinario di Lussemburgo e il Consiglio di Vienna, in tal senso rappresentano le tappe in cui viene ribadito che l’obiettivo della coesione sociale passa necessariamente attraverso la formazione come sostegno dell’occupazione e della conoscenza. Oltre al Trattato e i Regolamenti, che disciplinano i Fondi strutturali, importanti sono i libri bianchi di Delors e della Cresson che identificano la filosofia ispiratrice dei testi legislativi nei campi dell’educazione e della formazione professionale. Nel Libro bianco di Delors, la formazione è considerata uno strumento di lotta alla disoccupazione, che agevola l’inserimento dei giovani e il reinserimento dei disoccupati di lunga durata: “La formazione è uno strumento di politica attiva del mercato del lavoro, che serve ad adeguare le qualifiche professionali alla necessità del mercato e, di conseguenza, è un elemento chiave per rendere più flessibile il mercato del lavoro”. 1 1 Commissione delle Comunità Europee, Crescita, competitività, occupazione, le sfide e le vie da percorrere per entrare nel XXI secolo, Libro Bianco, Lussemburgo 1993, pagina 123.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Gaia Disegni Contatta »

Composta da 267 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3595 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.