Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti psichiatrico forensi in tema di criminalità informatica

La criminologia in Italia, non ha ancora completato il suo sviluppo: il mondo criminale è infatti, in continuo mutamento e richiede al sistema nuovi adattamenti e nuove risposte. Nel corso degli anni si è passati dalla criminalità post-bellica, all’emergenza terrorismo, alla criminalità legata alle tossicodi-pendenze, a nuovi tipi di criminalità organizzata e non, come ad esempio la criminalità informatica portata avanti da individui denominati impropriamente hacker. L'esplosione di Internet colpisce ogni aspetto della nostra vita e termini come “ciberspazio” e “hacker” “crackers” ecc. fanno ormai parte del nostro linguaggio. Alla diffusione di tali termini contribuiscono i mass media mostrando sempre più frequentemente storie di fuorileg-ge della frontiera elettronica. Ma chi sono questi appassionati della consolle che istigano caos e anarchia nella nuova frontiera, che minacciano la sicurezza e l'inviolabilità della rete?
Poiché Internet sta cambiando il modo in cui la società ve-de se stessa, sono nate e nascono comunità virtuali globali che condividono interessi comuni: le frontiere cadono e la nuova re-altà dell'etere invade quella fisica. Di conseguenza, chi è in gra-do di capire la tecnologia, che detiene conoscenza in questo campo e sa come sfruttarla, detiene il controllo: oggi avere ac-cesso alle informazioni significa avere “accesso al potere”.
Lo sviluppo delle tecnologie informatiche oltre ad aver favorito un processo di globalizzazione, ha avviato un processo di inno-vazione terminologico – concettuale.
Generalmente la radio, la stampa e la televisione con il sostantivo Hackers indicano un individuo la cui attività è volta e svolta al fine di arrecare danni a “cose o persone” per trarne dei benefici pecuniari. Questo uso improprio, dai non pochi be-nefici sensazionalistici, ha portato ad una degenerazione del termine il quale assume una connotazione negativa con uso non dispregiativo. Gli usi sono numerosi e svariati occorre quindi effettuare una prima e fondamentale distinzione tra Ha-ckers e Crackers che pare essere di primaria importanza anche per gli stessi hackers.
Il dizionario degli Hackers così lo definisce < individuo che si diverte ad esplorare in dettaglio un sistema programma-bile al fine di aumentare al massimo le proprie capacità di co-noscenza di quel computer o di quel sistema, all’opposto di u-tenti che si limitano ad imparare lo stretto indispensabile> .
I crackers invece sono coloro che penetrano nei sistemi infor-matici per causare scompiglio, arrecare danni veri e propri o per rubare informazioni. Roul Chiesa ex hacker afferma che i crackers sono "quegli hacker che sono ben felici di divenire un incubo nella vita dei system administrator, cancellando file e creando danni permanenti ed irreparabile al sistema" . Il termine “Cracker”, in origine, era inteso nei confronti di quella persona che rimuoveva le protezioni dai programmi (software) commerciali. Recentemente la definizione ha iniziato ad appari-re su giornali e mailing-list ed è attualmente utilizzata per de-scrivere gli hacker “violenti”.
In breve: gli hacker “costruiscono” i crackers “distruggono.
Sembra quasi che l’hacker percorra il cammino delle ricerche scientifiche, parte infatti da problemi la cui risoluzione “porta all’invenzione” di nuovi problemi.
I tentativi di classificazione che seguono non intendono porsi come esaustivi, difficilmente un hacker si riconoscerà in tali de-scrizioni, infatti le tecnologie e i problemi individuali e collettivi conseguenti si sviluppano e cambiano di pari passo.
Il pregiudizio nei loro confronti affonda la radici in un terreno arido: essi non solo sono temuti ma spesso vengono giudicati ancor prima di un’attenta disamina delle dinamiche che sotten-dono tali azioni “definite criminali e criminogene”.
Nella trattazione si cercherà di dipanare tali dinamiche con la prospettiva di apportare ulteriori chiarificazioni in merito al tema.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 3 INTRODUZIONE La criminologia in Italia, non ha ancora completato il suo sviluppo: il mondo criminale è infatti, in continuo mutamento richiedendo al sistema nuovi adattamenti e nuove risposte. Nel corso degli anni si è passati dalla criminalità post-bellica, all’emergenza terrorismo, alla criminalità legata alle tossicodi- pendenze, a nuovi tipi di criminalità organizzata e non, come ad esempio la criminalità informatica portata avanti da individui denominati impropriamente hacker. L'esplosione di Internet colpisce ogni aspetto della nostra vita e termini come “ciberspa- zio” e “hacker” “crackers” ecc. fanno ormai parte del nostro lin- guaggio. Alla diffusione di tali termini contribuiscono i mass media mostrando sempre più frequentemente storie di fuorileg- ge della frontiera elettronica. Ma chi sono questi appassionati della consolle che istigano caos e anarchia nella nuova frontie- ra, che minacciano la sicurezza e l'inviolabilità della rete? Poiché Internet sta cambiando il modo in cui la società ve- de se stessa, sono nate e nascono comunità virtuali globali che

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Patrizia Puggioni Contatta »

Composta da 55 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2330 click dal 15/11/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.