Skip to content

Galles: regione e territorio

Informazioni tesi

  Autore: Eleonora Mirisola
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Famoso Nunzio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 130

The main part of my dissertation will concentrate on the development of different features in the town plan so that the growth of each town can be described and analysed.
Nearly three million people live in Wales today, and more than two-thirds of them are to be found in the South East of the country. During the 18th and 19th centuries, thousands of people flooded into the valleys seeking a better life through employment in the iron works, coal mines and ancillary trades and industries. In the space of a few hundred years the economy of the locality was turned on its head, as dependence on agriculture was replaced by industrialization. This began in the 16th century when coal-fuelled iron furnaces were built near ore deposits and, much more importantly, close to plentiful supplies of timber, and water to drive waterwheels. As the demand for coal increased in the last quarter of the 19th century so pits were sunk and communities developed in the small valleys leading off the main Rhondda valleys. This was the land where “King Coal” reigned supreme. These industrial areas were places where life ran to extremes and the environments created were, in some cases, astonishing for their rapid growth. The upper reaches of Rhondda Fawr were described in 1847 as having “glorious hills…the emerald greenness of the meadows below were most refreshing…The air aromatic with wild flowers and mountain plants. A Sabbath stillness reigns.” Within 50 years all had changed, and the twin valleys of Rhondda had become part of the most important mining area in the world. Thousands of people poured from all parts of Britain and sometimes further afield; a street in Dowlais is named “Alphonso Row” following its early immigrants from Spain. They were crammed into ranks of stone and slate, and in some parts of the narrow valleys the concentration exceeded 6,000 per square mile. At the head of Rhondda Fawr the houses followed the general pattern of development , spreading along the floor of the valley in long straggling lines. Between 1881 and 1914 over 10,000 houses were built in the valleys and a series of communities grew up around the various iron works. A Ministry of Health report published in 1920 stated that “the overcrowding is excessive, in one small room there are five beds. There is no drainage whatever, and no privy; nor indeed, the right to the use of a privy to any of these houses”. Merthyr Tydfil was described as a “miserable straggling village” in the 1760s. By 1860, it was the principal town of Wales and the “iron making capital of the world”. The first iron furnace was in use in 1765 and the next hundred years saw the creation of a totally industrial landscape, but poor sanitation and polluted water supplies created appalling conditions.
However, industrialization and exploitation of mineral resources improved the fortunes of many gentry families. It has been estimated that the Marquises of Bute owned land on which 25 per cent of the population of Wales lived during the second half of the 19th century. They also owned coal mines and railways, and built the first dock in Cardiff in 1839. The 3rd Marquis was deeply devoted to the Middle Ages and he used his wealth and the services of the like-minded William Burgess to make real the dream that is Cardiff Castle, an impressive Norman castle, built in 1099, which stands on the site of an old Roman fort.
Wales has two official languages, English and Welsh. Welsh is one of the oldest spoken languages, with its roots in early Celtic Europe. The first written evidence of Welsh appears in a Latin copy of the Gospels dating from c.700. In recent years, there has been a revived interest in the language and many English-only speaking parents now send their children to schools to be taught through the medium of the Welsh language. Either English or Welsh may be used in the courts and for government business. Some newspapers are printed either partly or entirely in Welsh, and radio and television programmes are broadcast in both languages.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUCTION One of the most difficult decisions to be made in writing about WALES is how to divide the country into sections and what should be included or be left out. So, this thesis is my impression of the country. It may be biased but it explains why I am attracted to this land. Wales, Cymru in Welsh, is one of the four countries that makes up the United Kingdom of Great Britain. It is bounded to the north by the Irish sea, to the west by St. George�s Channel, and to the south by the Bristol Channel. Wales is a country of extraordinary powerful visual contrasts. It covers 8,017 square miles (20,764 square kilometres) of spectacular coastline, bays, rugged hills and unspoilt mountainous parks such as the Snowdonia Park and the Brecon Beacons National Park. Much of the country , except the coastal plains and river valleys, is covered by the Cambrian mountains with small lakes and waterfalls. Cardiff is the capital and the largest city and coal-shipping port of Wales.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi