Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela giurisdizionale dei diritti fondamentali dell'uomo nell'Unione Europea

L'argomento della tesi è la tutela dei diritti fondamentali dell'uomo nel processo d'integrazione europea.
L'oggetto di questo studio, sono i diritti fondamentali così come si presentano e sono tutelati in ambito comunitario. Nel primo capitolo dell'elaborato è stato analizzato l'assetto originario delle Comunità, il ruolo svolto dalla giurisprudenza della Corte di giustizia e la progressiva tutela nei trattati. Nel capitolo secondo si sono analizzate le ragioni che hanno portato all'elaborazione di un catalogo scritto dei diritti fondamentali, le varie fasi, il contenuto, l'efficacia giuridica. Inoltre il rapporto dell'UE con la CEDU. Nel terzo capitolo si è analizzato il rapporto tra tutela europea dei diritti fondamentali e ordinamento nazionale. Nel quarto capitolo l'attenzione si è rivolta alla tutela dei diritti fondamentali nella prospettiva d'adozione di una Costituzione europea.

Mostra/Nascondi contenuto.
VI Introduzione La teoria della sovranità dello Stato ha per lungo tempo confinato la protezione dei diritti fondamentali nell’ambito dell’ordinamento e delle Costituzioni dei singoli paesi, ostacolando lo sviluppo in Europa di forme di tutela sovranazionale. Dopo la prima guerra mondiale, con il Patto della Società per le Nazioni, la garanzia dei diritti cominciò a radicarsi in ambiti diversi da quello statuale. Il fattore storico che diede l’impulso a questa nuova fase fu costituito dalla creazione di nuovi Stati europei, a seguito dei Trattati di pace, nei quali si stabilirono minoranze etniche per la cui tutela fu creato un apposito organismo in seno alla Società per le Nazioni, ossia la Commissione per le minoranze, con il compito di esaminare le petizioni relative a violazioni di diritti fondamentali da parte degli Stati. Dopo la seconda guerra mondiale, il Consiglio d’Europa promosse la Convenzione di Roma del 4 novembre 1950, la quale richiamandosi espressamente ai principi supremi enunciati nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, supera la vecchia concezione dell’affidamento della tutela dei diritti fondamentali ai soli ordinamenti statuali, istituendo un nuovo organo sovranazionale, la Corte europea dei diritti dell’uomo.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giusi Brandano Contatta »

Composta da 228 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 19262 click dal 29/11/2004.

 

Consultata integralmente 79 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.