Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I mercati virtuali e il caso '' east2italy.com ''

La tesi si propone uno studio dei mercati virtuali.
Il primo capitolo si apre con una breve carrellata delle varie forme di commercio elettronico, per poi concentrarsi sul B2B e in particolare sui modelli “molti a molti”. Dopo una puntuale classificazione dei Marketplace, il secondo capitolo si concentra sui Marketplace transazionali e in particolare sui meccanismi di mercato possibili.
Il terzo capitolo individua i punti di criticità dei mercati elettronici, nel modello americano e in quello italiano e ne studia la possibile evoluzione in termini di comunità verticali.
L’ultimo capitolo applica gli strumenti teorici del primo e del secondo al caso concreto http://www.east2italy.com , un Marketplace, progetto della Camera di Commercio Italo Slovacca, che si dedica alle trattative commerciali e alle opportunità di investimento tra Italia e Paesi dell’Est.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE La presente tesi si propone lo studio dei mercati virtuali e delle loro attuali e prossime evoluzioni. Dopo una breve panoramica sulle varie relazioni che si possono instaurare tra gli operatori economici nell’ambito dell’eCommerce, approfondiamo il rapporto tra aziende, il cosiddetto business to business. Tra i vari modelli B2B, la tesi si focalizza sui quelli di intermediazione “molti a molti”, che sono appunto i mercati elettronici. Dedichiamo il primo capitolo a una puntuale classificazione degli eMarketplace, fatta in base ai parametri di maggior rilievo a livello economico, e che riguarda sia quelli transazionali che quelli non transazionali. È sui primi che si concentra il secondo capitolo, indicando la molteplicità dei vari meccanismi di mercato e lo svolgimento della transazione on-line, assumendo il punto di vista prima del buyer e poi del seller. Il terzo capitolo si apre individuando le criticità di questo modello di eBusiness che l’esperienza americana prima e quella italiana poi mettono in luce. Vengono identificati tutti quegli aspetti di cui bisogna tener conto per generare una massa critica di utenza all’interno del portale, al fine di permettere la sopravvivenza e il successo di un mercato elettronico. Particolare attenzione viene riservata alla definizione di sicurezza in rete e di fiducia avvertita da parte di un utente business, che opera transazioni su una piattaforma virtuale, e agli strumenti e alle tecnologie in grado di creare la fiducia e di garantire la sicurezza dei dati e delle informazioni. Si passa quindi ad analizzare le attuali spinte evolutive che i Marketplace stanno vivendo in questo momento, sulla base del fatto che l’utenza richiede piattaforme che prima di tutto siano in grado di offrire servizi (di Sourcing, di Procurement e di Supply Chain Collaboration). Infine, l’analisi introduce e sviluppa il concetto di comunità virtuale, che viene identificata come prossima evoluzione del modello di business in rete. Studiamo, in particolare, l’applicabilità di tale soluzione ai distretti industriali italiani: l’archetipo, di matrice ancora una volta americana, si plasma per rispondere ad esigenze peculiarmente italiane, trasformandosi in uno strumento nuovo che potrà fungere da modello su scala globale. L’ultimo capitolo si propone di affrontare lo studio del caso east2italy.com. Gli strumenti teorici trattati nel corso del primo e del secondo capitolo vengono applicati nel caso concreto di un B2B dedicato alle trattative commerciali e alle opportunità di investimento tra l’Italia e

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Desiree Piovesan Contatta »

Composta da 143 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1117 click dal 01/12/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.