Skip to content

Il rilancio delle infrastrutture, un problema economico-politico-sociale, la terra, il mare e il cielo a confronto

Informazioni tesi

  Autore: Sebastiano Provenzano
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Corporate governance e corporate finance
Anno: 2004
Docente/Relatore: Mauro Bini
Istituito da: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

Il presente lavoro pone il problema più volte affrontato dai differenti schieramenti politici del nostro paese, il rilancio delle infrastrutture italiane. La tesi, dopo aver introdotto lo scenario politico-economico sociale nel quale si inserisce il progetto di rilancio delle nostre infrastrutture, affronta le problematiche relative innanzitutto le decisioni di investimento, i finanziamenti delle stesse e le difficoltà gestionali. Nel lavoro si pongono dunque a confronto le infrastrutture via terra, via mare e per cielo, affrontando inoltre le problematiche di copertura dei costi e il relativo impatto ambientale e sociale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Il Governo, fin dal suo insediamento, nella consapevolezza che un paese civile non possa accettare - come un’inevitabile fatalità – di pagare per la mobilità stradale il tragico annuale contributo di circa 7.000 morti, circa 350.000 feriti, circa 20.000 invalidi, ha posto tra gli obiettivi prioritari della sua azione quello della sicurezza stradale. Una attenta lettura dei dati sull’incidentalità stradale dimostra purtroppo che non meno del 90% degli incidenti stradali trova la sua origine nel fattore umano di cui gli utenti della strada per incuria, per arroganza, per sopravalutazione delle proprie capacità, si rendono spesso responsabili. È stata proprio la consapevolezza della decisiva importanza del fattore umano che ha indotto il Governo – determinato nell’ambito degli indirizzi comunitari a perseguire una drastica riduzione dell’infortunistica stradale – a varare una serie di disposizioni urgenti destinate ad incidere sui comportamenti e capaci di dare positivi riscontri. Tra queste ricordo quelle che hanno dato concreta attuazione e disciplina alla patente a punti; all’attestato di idoneità per la guida di ciclomotori per la fascia di età 14/18 anni; al corretto uso del cellulare; all’uso della cintura di sicurezza e del casco; a procedure certe e snelle per la verifica della assunzione di alcool e di sostanze stupefacenti; all’uso di giubbotti riflettenti destinati a proteggere chi scende da un veicolo; ad un uso dei fari che evidenzi il sopraggiungere di un veicolo. Sono certamente norme perfettibili, ma che consentono di dire che il percorso iniziato va nella direzione giusta. Le norme varate costituiscono una prima incisiva sollecitazione in tal senso. Assistite e supportate da un’intensa attività di controllo – da parte della Polizia Stradale e dell’Arma dei Carabinieri – le suddette norme hanno consentito nel periodo 1° luglio 2003– 30 giugno 2004, rispetto all’analogo periodo del 2002-2003, una diminuzione del 14,5% del totale degli incidenti, del 18,2% degli incidenti mortali, del 18,8% delle persone decedute e del 17,9% delle persone ferite. Tali riduzioni percentuali equivalgono ad una diminuzione di 27.485 incidenti, 857 decessi e di 24.505 feriti. Per quanto riguarda nello specifico la patente a punti a tutt’oggi sono 4.622.845 i punti patente decurtati ed il complesso sistema che presiede al corretto funzionamento della patente a punti sta funzionando a pieno regime a dispetto delle perplessità iniziali dei

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi