Skip to content

Valutazione di emissioni e consumi in corrispondenza di intersezione a rotatoria. Confronto con il caso dell'impianto semaforico.

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Olivieri
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Politecnico di Milano
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria dei Trasporti
  Relatore: Stefano Consonni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 186

In questi anni un po’ dappertutto in Italia assistiamo ad una miriade di interventi di conversione di impianti semaforici in rotatorie, tesi a fluidificare il traffico, a diminuire la congestione, ad aumentare la sicurezza dei veicoli che impegnano gli incroci e insieme a moderarne la velocità a tutto vantaggio di pedoni e ciclisti. Quando ben progettate, le rotatorie implicano due ulteriori benefici per la collettività: il risparmio di carburante e la diminuzione delle emissioni inquinanti. Considerata la criticità dello scenario attuale dovuta all’inquinamento nelle aree urbane e alla scarsità delle risorse energetiche a livello mondiale, l’investimento in nuove rotatorie da parte delle Pubbliche Amministrazioni rappresenta un’occasione unica per riaffermare il principio dell’eco-efficienza nella fornitura di un servizio essenziale ai cittadini, quale la disponibilità di infrastrutture per il trasporto privato. I benefici dovuti a questo tipo di intersezione sono infatti di duplice natura: da una parte incremento del livello di servizio a tutto vantaggio di chi viaggia (diminuzione dei tempi di attesa e delle code), dall’altra riduzione dell’impatto ecologico e dell’uso di risorse naturali (diminuzione di emissioni e consumi).
Date queste premesse importanti, il mio lavoro si assume il compito di valutare, in modo quantitativo e oggettivo, quali sono i vantaggi ambientali legati all’introduzione di nuove rotatorie, e quindi di proporre una metodologia scientifica per la stima di emissioni e consumi adottabile in questo tipo di interventi. E’ proprio mediante una valutazione quantitativa come quella qui proposta che gli Enti Pubblici possono effettuare scelte di investimento oculate e tese a massimizzare il benessere della collettività, evitando, come purtroppo spesso succede, di decidere “tout court” la realizzazione di rotatorie in incroci ove sarebbe più opportuno conservare il semaforo. Nel mio caso mi sono concentrato su due casi reali del territorio, rispettivamente bresciano e piacentino; per ciascuna intersezione ho calcolato come cambiano emissioni inquinanti e consumi di carburante passando dall’incrocio semaforizzato preesistente all’intersezione a rotatoria (già realizzata o di prossima realizzazione). Ho inoltre, in un’ottica di eco-efficienza, stimato le variazioni delle prestazioni dell’intersezione in termini di tempi di percorrenza e lunghezza delle code. Il metodo utilizzato è basato sulla modellizzazione delle intersezioni all’interno del software di microsimulazione Paramics by Sias. In particolare ho costruito tanti modelli quanti sono gli scenari da confrontare; per ciascuno ho registrato, sempre all’interno del software, le grandezze rilevanti e infine ho fatto un confronto tra tali grandezze nelle coppie di scenari vecchio-nuovo al fine di trarne le dovute conclusioni.
Nel caso dell’intersezione bresciana Dalmazia-Orzinuovi-Salgari è stato calcolato un decremento complessivo delle emissioni nell’ora di simulazione pari al 28%, mentre il risparmio di carburante è stato pari al 25%. Nella stessa intersezione le code diminuiscono del 61%, mentre i tempi di percorrenza calano del 34%. Nell’intersezione piacentina di Barriera Genova si stima un decremento delle emissioni del 16% e un risparmio di carburante sempre del 16%. Nella stessa intersezione le code diminuiscono del 36%, mentre i tempi di percorrenza calano del 10%. Il beneficio è più evidente nel caso bresciano in quanto l’impianto semaforico presentava fenomeni assai critici di congestione che sono stati eliminati dalla rotatoria. Nel caso piacentino l’impianto semaforico considerato nel confronto con la rotatoria è il cosiddetto semaforo “variante b”, impianto che è stato realizzato dall’Amministrazione di Piacenza nelle prime settimane di Ottobre 2004, e che garantisce una capacità ben al di sopra della domanda.
I risultati relativi al caso bresciano costituiscono una conferma alla tesi secondo cui la rotatoria, nel momento in cui riduce drasticamente i tempi di percorrenza e le code presenti nello scenario con il semaforo, determina anche un significativo decremento di emissioni e consumi. Nel caso piacentino, i risultati mostrano che, anche ove il semaforo non presenti evidenti fenomeni di congestione, la rotatoria può comunque determinare un sensibile miglioramento delle prestazioni dell’intersezione, in termini di tempi di attraversamento così come di impatto ambientale, dovuto essenzialmente alla modificazione del driving pattern (andamento della velocità e dell’accelerazione dei veicoli che attraversano l’incrocio).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE 7 1 INTRODUZIONE 1.1 Background. In questi ultimi anni un po’ dappertutto in Italia si assiste ad una massiccia conversione di incroci semaforici con intersezioni a rotatoria. Le Amministrazioni conoscono i vantaggi legati a questa tipologia di intersezione, come la moderazione della velocità, l’aumento della sicurezza, la fluidificazione del traffico. Sono anche consapevoli degli effetti benefici della rotatoria sul piano ambientale, quali la riduzione delle emissioni inquinanti e la riduzione dei consumi di carburante da parte dei veicoli che impegnano l’intersezione. Durante la nostra esperienza di tirocinio effettuata presso il Comune di Brescia e presso il Comune di Piacenza, ci siamo resi conto che, nella grande maggioranza dei casi in cui le Amministrazioni pianificano un intervento di realizzazione di una nuova rotatoria, essi non valutano l’entità dei vantaggi ambientali derivanti dall’intervento. Essi assumono che il miglioramento delle prestazioni dell’intersezione in termini di lunghezza delle code e tempi di percorrenza si rifletta in riduzioni dell’inquinamento e dei consumi; non conoscono però in che percentuale avvengano tali riduzioni. Lo strumento modellistico della microsimulazione offre un contributo notevole in questa direzione: esso permette di simulare porzioni di rete stradale con una precisione di calcolo unica, e permette di calcolare inoltre le emissioni e i consumi con un livello di disaggregazione elevato. Per le notevoli potenzialità e il prezioso supporto che offre nei processi decisionali e nelle scelte di investimento, un numero sempre crescente di Amministrazioni si sta dotando di software di microsimulazione del traffico. In uno scenario come quello attuale, dove l’insostenibilità del trasporto stradale si fa sempre più accentuata, risulta particolarmente importante e auspicabile sotto tutti i punti di vista la valutazione quantitativa delle scelte di investimento anche in merito agli effetti ambientali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi