Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La cultura della 'Working-Class' in due romanzi di Alan Sillitoe

Lo scopo del mio lavoro è quello di esaminare gli aspetti della cultura della classe lavoratrice inglese in due romanzi di Alan Sillitoe: Saturday Night and Sunday Morning (1958) e Birthday (2001).
Nei suoi romanzi, l’autore descrive la cultura e lo stile di vita del ceto proletario fornendone un’immagine realistica e dettagliata, senza ricorrere a toni paternalistici e compassionevoli, ma identificandosi spesso coi protagonisti, di cui condivide ansie e opinioni.
La ricerca è stata condotta sulla base delle tematiche che servono a esemplificare lo stile di vita del ceto lavoratore. Il secondo dopoguerra fu teatro di profondi cambiamenti nel modo di vivere della classe operaia: sono di quegli anni, infatti, il boom economico, la piena occupazione nonché la rivoluzione dei costumi sessuali.
Nel primo capitolo ho introdotto la vita dell’autore, accennando alle sue opere maggiori e al modo in cui furono accolte dalla critica. Ho poi esaminato il periodo storico e culturale che vide gli esordi di Sillitoe. Negli anni cinquanta si assiste al sorgere del movimento letterario degli “Angry Young Men”, di cui Sillitoe fu considerato uno dei maggiori esponenti. Mi sono soffermata ad analizzare le principali tematiche della Narrativa Arrabbiata, nonché il rapporto dell’autore col nuovo movimento letterario. L’ultima parte del capitolo è stata dedicata all’analisi di Sillitoe come scrittore della working-class. Alla pubblicazione del suo primo romanzo, molti critici videro in lui un autentico scrittore della classe lavoratrice, sebbene egli sia sempre stato ostile alle etichette.
Nel secondo capitolo, dopo aver illustrato i principi e le usanze della cultura della classe lavoratrice sulla base dello studio effettuato da Richard Hoggart nel 1969, ho analizzato il modo in cui Sillitoe affronta tali tematiche in Saturday Night and Sunday Morning. Il romanzo si sviluppa intorno al personaggio di Arthur Seaton, un giovane operaio inglese degli anni ’50 di cui l’autore narra la crisi esistenziale. Sillitoe presenta la cultura della working-class attraverso il punto di vista di un giovane scontroso ed impulsivo, il cui comportamento mira a stravolgere gran parte dei principi della cultura cui appartiene.
Nel terzo capitolo ho preso in esame l’ultimo romanzo dell’autore, Birthday. L’opera ha un’ambientazione contemporanea; Arthur Seaton, ormai sessantenne, ripercorre la sua vita facendo chiari riferimenti alla cultura d’origine, della quale scopre a poco a poco l’inadeguatezza. Anche in questo caso, mi sono soffermata ad analizzare gli aspetti principali della cultura proletaria, evidenziando, di volta in volta, il modo in cui il protagonista si rapporta ad essa. Nel romanzo, è evidente il legame tra Arthur Seaton e Sillitoe il quale, dopo anni, torna a scrivere di Nottingham e della sua cultura d’origine, che viene ora presentata attraverso il punto di vista di un uomo anziano che si sente ormai prossimo alla morte.
Seguendo le tematiche ricorrenti nelle due opere, mi sono concentrata soprattutto sugli aspetti che riguardano il difficile rapporto tra la classe lavoratrice e l’autorità politica ed economica; ho quindi affrontato il tema del lavoro, soffermandomi ad analizzare il modo in cui l’operaio si rapporta col mondo della fabbrica, per poi esaminare le caratteristiche della famiglia proletaria e il ruolo della donna all’interno di essa.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Lo scopo del mio lavoro è quello di esaminare gli aspetti della cultura della classe lavoratrice inglese in due romanzi di Alan Sillitoe: Saturday Night and Sunday Morning (1958) e Birthday (2001). Nei suoi romanzi, l’autore descrive la cultura e lo stile di vita del ceto proletario fornendone un’immagine realistica e dettagliata, senza ricorrere a toni paternalistici e compassionevoli, ma identificandosi spesso coi protagonisti, di cui condivide ansie e opinioni. La ricerca è stata condotta sulla base delle tematiche che servono a esemplificare lo stile di vita del ceto lavoratore. Il secondo dopoguerra fu teatro di profondi cambiamenti nel modo di vivere della classe operaia: sono di quegli anni, infatti, il boom economico, la piena occupazione nonché la rivoluzione dei costumi sessuali. Nel primo capitolo ho introdotto la vita dell’autore, accennando alle sue opere maggiori e al modo in cui furono accolte dalla critica. Ho poi esaminato il periodo storico e culturale che vide gli esordi di Sillitoe. Negli anni cinquanta si assiste al sorgere del movimento letterario degli “Angry Young Men”, di cui Sillitoe fu considerato uno dei maggiori esponenti. Mi sono soffermata ad analizzare le principali tematiche della Narrativa Arrabbiata, nonché il rapporto dell’autore col nuovo movimento letterario. L’ultima parte del capitolo è stata dedicata all’analisi di Sillitoe come scrittore della working-class. Alla pubblicazione del suo primo romanzo, molti critici videro in lui un autentico scrittore della classe lavoratrice, sebbene egli sia sempre stato ostile alle etichette.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Monia Mezzabotta Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2375 click dal 13/12/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.