Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pubblica amministrazione e partecipazione. Quale Amministrazione e per quale partecipazione?

Quali modelli di organizzazione si sono succeduti negli anni e quanto la pubblica aministrazione si sia ispirata all'impresa privata nei suoi tentativi di innovazione e cambiamento: dalla autorità, alla prestazione alla condivisione.
La partecipazione come possibilità di passare dalla produzione di servizi alla produzione di politiche pubbliche attraverso la pratica dell'ascolto, l'esplorazione, la sperimentazione.
Strumenti di cambiamento e ostacoli: il benessere organizzativo, la comunicazione, l'innovazione tecnologica e le reti civiche, il rapporto centro periferia.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La questione che mi pongo e che vorrei sviscerare con questo lavoro riguarda la possibilità di utilizzare strumenti diversi da quelli che rimandano alle organizzazioni di tipo burocratico o aziendalista nel processo di innovazione della Pubblica Amministrazione (un’amministrazione locale è ciò a cui penso). Ritengo che una migliore efficienza della macchina amministrativa, il miglioramento della vita lavorativa di dipendenti, assessori, sindaco ecc. e l’attivazione di un processo inclusivo di tutti i cittadini siano obiettivi meglio raggiungibili con l’utilizzo di tali strumenti . Nel primo capitolo cercherò di evidenziare quali modelli di organizzazione si sono succeduti negli anni e come, di volta in volta, la pubblica amministrazione si sia ispirata all’impresa privata nei suoi tentativi di cambiamento ed innovazione. Cercherò inoltre di capire perché i modelli aziendali non siano idonei alla organizzazione della amministrazione pubblica, quali le differenze tra impresa e amministrazione e tra clienti e cittadini. Alla fine del capitolo vedremo come, pur in presenza di grandi cambiamenti ispirati alle più moderne teorie organizzative, nel processo di innovazione della pubblica amministrazione italiana persistano contraddizioni tra le teorie di partenza e le modalità di elaborazione degli strumenti atti a metterle in pratica. In particolare vedremo come nonostante le raccomandazioni, anche di tipo normativo, di allargamento 2

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Daniela Patrucco Contatta »

Composta da 60 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3328 click dal 17/12/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.