Skip to content

Evoluzione del rapporto mente-cervello nel pensiero di K.R. Popper e J.C. Eccles

Informazioni tesi

  Autore: Patrizia Puggioni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Pedagogia
  Relatore: Martino Cambula
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 127

Lo svolgimento di questa tesi ha costituito per me un’intensa e difficoltosa avventura intellettuale, offrendomi intanto la possibilità di misurarmi con un approccio alla ricerca che vuole essere scevro da pregiudizi, ma soprattutto mi ha consentito di operare delle riflessioni su quello che è sicuramente il più grande mistero con cui l’uomo deve convivere e cioè la comparsa della coscienza.
Da sempre infatti, una delle preoccupazioni fondamentali dell’uomo è stata la ricerca delle proprie origini e l’elaborazione di ipotesi sulle modalità attraverso cui la specie si è sviluppata e sulle peculiarità che la caratterizzano. Già l’uomo di Neandertal verso la fine della propria esistenza raccoglieva fossili e pietre, in quello che può definirsi un primo rudimentale approccio metafisico al problema.
Il panorama esplicativo offertoci dalla filosofia della mente è immenso, da qui è stata inevitabile la scelta tra autori, scelta non casuale naturalmente.
Uno degli obiettivi della tesi è infatti quello di proporre un approccio interdisciplinare al problema. Ciò non significa parlare un po’ di tutto, né parlare di un solo personaggio da diversi punti di vista. Questo perché, come ci insegna Popper, si effettua un lavoro interdisciplinare quando nella soluzione di un particolare problema tipico di una disciplina (intesa come un’insieme di teorie “tentativi”) ci si serve di strumenti teorici e pratici presi da altre discipline.
Ho scelto quindi 2 autori l’uno filosofo e l’altro neurofisiologo i quali cercano di colmare (sempre provvisoriamente) le lacune e le dimenticanze attribuibili ad altri studiosi. È frequente infatti che alcuni osservino il panorama della mente dalla cima di una montagna mentre altri preferiscono armeggiare solo nella sala macchine. Per dirla in termini popperiani, non sono certa, ma è vero che l’uno ha scalato la montagna mentre l’altro abilmente ha eseguito la discesa per addentrarsi nella sala macchine.
Dalla pluralità di prospettive, dall’incontro tra l’approccio umanistico e neuroscientifico, può derivare una comprensione più ricca dei mondi che non rinunci ad aspetti fondamentali della stessa.
Quanto al metodo, merito principale di Popper ed Eccles è quello di aver illuminato nel loro reciproco approccio gli oscuri vincoli del dogmatismo e di aver elaborato una concezione che richiama la fallibilità dell’uomo e alla conseguente società pluralistica nella quale nessuna teoria si presenta con la pretesa di essere assoluta per maggior grado di verità o di adattabilità alla situazione. Entrambi propongono quindi una società aperta priva di imposizioni nella quale il libero scambio e flusso di teorie renda queste ultime semplici e provvisori tentativi di risoluzione dei problemi.
Nella tesi non intendo affermare alcuna superiorità, in quanto tutte le ipotesi sono utili se non per arrivare a una soluzione comune, per offrire spunti di riflessione, ossia stimoli per proseguire tale indagine.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Da sempre una delle preoccupazioni fondamentali dell’uomo è stata la ricerca delle proprie origini e l’elaborazione di ipotesi sulle modalità attraverso cui la specie si è sviluppata e sulle peculiarità che la caratterizzano. La ricerca sul mistero delle origini e i sentimenti che da essa scaturiscono si è intrecciata con la volontà di operare una ri- flessione capace di portare l’uomo oltre il semplice stupore e la semplice ammirazione. Già l’uomo di Neandertal verso la fine della propria esistenza, raccoglieva fossili e pietre in quel- lo che può definirsi un primo, rudimentale, approccio metafi- sico al problema.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi