Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Patente a punti e incidenti stradali: un'analisi di intervento

La tesi tenta di individuare l'impatto statistico avuto dall'introduzione della patente a punti nel primo anno della sua applicazione utilizzando i dati congiuntamente della polizia stradale e dell'Istat. L'analisi è effettuata sulle serie storiche per poter individuare l'effetto della riforma del codice della stada tenendo conto della variabilità dei dati e del loro andamento nel tempo, aspetto poco considerato nelle analisi comuni dell'effetto della patente a punti

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo 1: Patente a punti e incidenti 1.1 Patente a punti: una svolta? “Incidenti in netto calo, il nuovo codice funziona”, così titolava l’edizione on line del Corriere della Sera il primo settembre 2003. Gli incidenti sono quelli stradali, il nuovo codice è quello approvato dal governo a fine giugno del 2003 la cui novità di gran lunga più importante è l’introduzione della patente a punti. L’obiettivo di questo studio è cercare di stabilire se questa politica messa in atto dal governo ha avuto un impatto statisticamente significativo sul numero di incidenti stradali e sui relativi danni alle persone da essi provocati (decessi e feriti). Le conclusioni che si trarranno non potranno che essere parziali a causa del poco tempo trascorso dall’intervento, nemmeno un anno, ma il tentativo di analizzarlo nel breve periodo può essere giustificato dall’importanza dell’argomento: 652 incidenti, 18 decessi e 926 feriti il bilancio quotidiano stilato dall’Istat nel 2002 sulla rete stradale italiana; dal punto di vista economico un costo sociale pari al 2% del prodotto interno lordo dell’UE secondo una stima della commissione europea. La gravità del problema ha spinto le autorità italiane, come quelle di altri paesi dell’UE, a porsi l’obiettivo di ridurre del 40% il numero di vittime degli incidenti stradali entro il primo decennio del secolo. La prima norma significativa introdotta nel nostro Paese per raggiungere questo scopo, dopo la legge istitutiva del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale (PNSS) del luglio 1999, è stata, appunto, la patente a punti, approvata in parlamento il 28 giugno 2003 ed entrata in vigore il 30 giugno dello stesso anno.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Claudio Manzan Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3040 click dal 23/12/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.