Skip to content

''Il mestiere delle Armi'' di Ermanno Olmi: Forma, enunciazione, rappresentazione della morte

Informazioni tesi

  Autore: Emma Minelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Dario Tomasi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

L’interesse principale di Olmi è lo spettatore, a “lui” vuole dare una prospettiva nuova per vedere, e interrogarsi; nella nostra società è segno di profondo anticonformismo.Entro le coordinate della corte del '500 con la volontà di adeguazione ai codici d’onore, alla tecnica di governo, alla ragion di stato, alle leggi di cavalleria nel Mestiere delle Armi possiamo riconoscere una struttura dualistica: una conflittualità fatta di spinte e contro-spinte, riflesso di una intera epoca, e della crisi di identità che attraversò il passaggio dal Medioevo al Rinascimento. Olmi si rivolge direttamente allo spettatore attraverso lo sguardo e le parole in macchina, invita in maniera diretta a prendere parte alla vicenda, Casetti definisce questa modalità d’espressione una INTERPELLAZIONE: l’autore chiama in causa lo spettatore come interlocutore immediato. Il Maestro cattura l’attenzione dello spettatore attraverso l’ esibizione della natura “artificiale” del mezzo, trasporta il destinatario in un mondo lontano fornendo gli strumenti per il “viaggio” cioè il senso critico nei confronti della realtà.
Riferimento letterario importante, che focalizza l’aspetto politico- militare del film, è il brano del Machiavelli, letto dall’ Aretino a Joanni. Il brano è tratto da L’arte della guerra: nel trattato vengono toccati gli aspetti significativi della tecnica militare, esaminati, naturalmente, secondo le convinzioni dell’ autore e dei suoi tempi.L’importanza dell’opera sta nella lucida individuazione dello stretto nesso tra fattore militare e politico.Tre gli aspetti che caratterizzano le scelte della messa in scena: l’utilizzo della struttura circolare del flashback, l’impiego della luce fedele all’illuminazione dell’epoca, e il richiamo alla pittura cinquecentesca.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 è un regista un po’ con l’andamento di un fiume carsico che ogni tanto sparisce in quei luoghi che a lui piacciono, che vive ai margini del cinema ufficiale… 1 Ermanno Olmi lavora nascostamente, il suo “fiume” trova nuove strade, riemerge con un nuovo impeto narra con immagini parlanti e grandi silenzi, storie lontane: è spiazzante nel ritrarre la semplicità della vita, interroga l’uomo, lo smaschera, mostra l’alienazione ed il suo confine; il mondo si uniforma e “il maestro” mette in discussione. E’ un cinema fuori dagli schemi, la sua è la cultura del neorealismo una visione vera della realtà dove l’uomo viene messo di fronte a se stesso: la solitudine, l’amore, la morte, la sacralità e il mistero accompagnano le rappresentazioni svelando le verità dell’animo umano, cosciente delle proprie debolezze. Per questa “etica dello sguardo” 2 spesso si è trovato in conflitto con il Cinema ufficiale, lontano da certi ambienti intellettuali che, a suo avviso, hanno perso il contatto con l’uomo della contemporaneità, la culla della cultura si è smarrita quando si è innamorata di sé. 1 Aldo Vigano,Olmi “scomparso”, in Elisa Allegretti e Giancarlo Giraud (a cura di), Ermanno Olmi L’esperienza di ipotesi cinema, 2001 Le Mani p. 25 2 Luca Finatti, Stupore e mistero nel cinema di Ermanno Olmi, ANCCI 2000, p. 15

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

armi
crisi del cinquecento
ermanno olmi
flashback
interpellazione
machiavelli
mestiere
morte
pittura del 500
transitorietà dell’esistere

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi