Skip to content

Il Visual Merchandising

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Germinara
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Comunicazione d'impresa
  Relatore: Marca Castellett
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 156

L'immagine istituzionale aziendale nata con la Corporate Image diviene elemento distintivo di tutta la logica commerciale. Già da anni le grandi organizzazioni distributive, devono affrontare un importante problema nelle nuove strategie di marketing aziendale: la questione–merce, “che deve farsi vedere e quindi, vendersi da sola”.
Il Visual Merchandising riveste un’importanza vitale per il raggiungimento di tale obiettivo, poiché sviluppa sostanzialmente tutte le opportunità offerte dalla vendita visiva; letteralmente si potrebbe tradurre con visualizzazione delle merci che tende a sostituire ad una presentazione passiva dei prodotti una loro presentazione attiva: li fa “parlare” alla clientela in maniera interessante e attraente, producendo effetti di comunicazione commerciale impersonale che si aggiungono agli effetti di comunicazione personale prodotti dalla vendita assistita. L’utilizzo di questa tecnica in qualsiasi azienda è puramente strategico, perché guida il consumatore verso percorsi visivi obbligati e perché è elemento distintivo in ambienti fortemente concorrenziali.
Il Visual Merchandising è innanzitutto un modo di pensare a come valorizzare al meglio il prodotto, la famiglia di prodotti, il reparto, il punto vendita. È un insieme di metodi che concorrono a dare al prodotto un ruolo di vendita attivo, grazie alla sua presentazione e alla sua ambientazione, al fine di ottimizzare la redditività.
Il Merchandising può concretizzarsi in un insieme di attività strutturabili gerarchicamente in cinque grandi aree:
· Classificazione/segmentazione dell’assortimento: tale azione avviene coerentemente con le scelte di segmentazione e posizionamento dell’impresa commerciale e della formula distributiva;
· Lay-out delle attrezzature: assetto complessivo del punto vendita, scelta e disposizione delle attrezzature espositive, organizzazione del flusso di traffico della clientela;
· Lay-out merceologico: modalità ed organizzazione espositiva delle referenze e degli spazi di vendita;
· Display: modalità di attribuzione della superficie espositiva alle singole famiglie di prodotti e di referenze;
· Animazione del punto vendita.
Dunque in un spazio limitato, si dovrà stabilire, ad esempio, quali referenze aggiungere o togliere dall’assortimento, come collocarle negli spazi espositivi, come disporre questi nell’ambito della superficie e del volume del punto vendita, come valutare l’impatto di tali scelte sul comportamento del consumatore all’interno del negozio, nella scelta dello stesso, sulla sua immagine e quindi sulla store loyalty.
Il Visual Merchandising si identifica in pieno con il concetto di “negozio come teatro del desiderio” che prevede la creazione di un effetto emozionale di immediato coinvolgimento del consumatore: il punto vendita si trasforma in una vera e propria “vetrina”.
Il negozio contribuisce al processo di vendita tramite la sua capacità di comunicare, conquistando ed emozionando il cliente attraverso uno stile identificativo: bisogna, dunque riconoscere il suo valore aggiunto nel sistema globale.
Allo stesso tempo è fondamentale l’importanza della percezione dal momento che il consumo non risponde più solo a stimoli razionali, ma anche a quelli sensoriali: vedere, toccare, sentire il prodotto aumenta fortemente l’impatto sul cliente.
Uno dei compiti principali del Visual Merchandising è quello di coordinare i suoi diversi linguaggi di comunicazione, tra cui: la corporate identity (comunicazione istituzionale), architettura commerciale, insegna, design corporate, interior design, design degli ambienti, comunicazione dal/del/nel punto vendita, segnaletica, informazione in shop, design e packaging dei prodotti a marchio proprio, animazioni e promozioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
IV Prefazione Gli ultimi decenni hanno visto una forte evoluzione del marketing che ha spostato il focus dell’attenzione dalle caratteristiche proprie del prodotto agli aspetti di servizio al prodotto e, recentemente, alla comunicazione. Nel marketing sembra essersi affermata una nuova filosofia che propone il prezzo della merce, non più come un onere per entrarne in possesso, ma una “spesa” mediante la quale ci si appropria di “qualcosa” che abbia determinate caratteristiche merceologiche, proposta da servizi specifici e “comunicata” per immagini “coinvolgenti”. Oggi il concetto di comunicazione si allarga fino ad investire gran parte dei comportamenti d’impresa, interpretati come segni, che divengono parte del flusso di comunicazione, affinché un’azienda raggiunga il mercato ed il contesto sociale. La comunicazione è l’elemento fondamentale dell’ “essere” e dell’ “esserci” di un’organizzazione: è parte integrante dell’essere in relazione alla costruzione dell’identità, della personalità e dell’immagine, è inoltre parte integrante dell’esserci in quanto determina il processo di relazionalità con il mondo esterno. Il Marketing della comunicazione cerca di dare risposte efficienti ed efficaci a questo bisogno, proprio come avviene nell’individuo. L’impresa è un qualsiasi sistema organizzato, costituito da una struttura, che interagisce con l’ambiente circostante in relazione ai suoi obiettivi istituzionali e/o commerciali, allo scopo di influire positivamente sugli atteggiamenti e sui comportamenti del consumatore. La costruzione dell’immagine, quindi, deve coinvolgere tutta l’impresa (management, dipendenti) e non soltanto gli addetti alla comunicazione, perché essa è una dimensione fondamentale nella strategia dell’azienda: la comunicazione

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi