Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La concezione della bellezza nell'opera di Stendhal

La ricerca del concetto di bellezza in un autore poliedrico come Stendhal si sviluppa a partire dalla sua giovane infanzia, legata alle letture di classici, e più in generale alla sua formazione che ha come punto focale l' Italia, il paese dell'arte; prosegue attraverso la critica artistica della pittura rinascimentale in Italia, fino all'esame del romanzesco stendhaliano. A conclusione della tesi viene fatto un tentativo di interpretazione del romanzo stendhaliano e del suo concetto di bellezza come promessa di felicità attraverso la genesi del romanzo che Lukàcs da nella sua Teoria del Romanzo.

Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE Il vero mestiere dell’animale è scrivere un romanzo in una soffitta Stendhal Personalità contraddittoria quella di Henry Beyle, divisa tra una trasparente lucidità di pensiero, di eredità illuminista, tesa sempre alla ricerca della verità, e un temperamento romantico che lascia il posto al vago fantasticare dell’immaginazione. Stendhal fu un grande simulatore e dissimulatore di se stesso; nella sua vita si contano più di cento pseudonimi e numerosi plagi, che esprimono chiaramente l’intento di crearsi un rifugio al riparo da occhi indiscreti. Ma questa volontà di nascondersi è ad un tempo una volontà di preservarsi, come dimostra uno degli episodi più citati della vita del giovane Beyle, ossia quando da bambino si andava a nascondere sotto il tiglio di casa per leggere Cervantes all’insaputa del padre. Dobbiamo vedere allora in questo atteggiamento, più che una pronunciata timidezza, l’intuizione precoce che la felicità, e di conseguenza la verità che questa illumina, si riesce a preservala solo se viene dissimulata. La ricerca della verità, indirizzata non solo al mondo ma prima di tutto verso se stesso, fu talmente importante per Stendhal che questi le dedicò un’intera vita; per questo coniò un neologismo, ormai divenuto di uso comune in Francia, egotismo, ovvero il culto dell’ego unito alla conoscenza di sé, secondo la famosa formula filosofica del conosci te stesso. La ricerca della verità, per quanto a prima vista possa sembrare una contraddizione, va di pari passo con quella della felicità, così come il

Tesi di Laurea

Facoltà: Filosofia

Autore: Sara Castagnacci Contatta »

Composta da 178 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4944 click dal 07/01/2005.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.