Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il comprensorio turistico marino. Ipotesi di sviluppo di un comprensorio in Italia Centrale – Abruzzo. Confronto con un progetto similare già attuato in Spagna – Costa de Azahar

Gli imprenditori e gli operatori immobiliari, intuendo l’attuale tendenza dell’utenza verso vacanze più brevi ma più frequenti e “vicine a casa”, hanno cercato e continuano a cercare nuove iniziative e località nelle regioni ad elevata vocazione turistica, onde consentire la nascita di nuova offerta.
Risulta davvero problematico recuperare clientela, adusa a viaggiare verso l’estero in special modo per raggiungere località marine, se non si cerca di realizzare in Italia un’offerta turistica dal fascino similare.
Al cospetto di tali premesse e del trend attuale, che ribadisce la valorizzazione delle nostre aree, erompe il germogliare del Comprensorio Turistico in Abruzzo, comune di Vasto. Regione che per capacità imprenditoriale, reddito medio ed apertura mentale è stata definita “il nord-est del sud”, dal momento che presenta aspettative vincenti in una prospettiva di medio-lungo periodo.
Il successivo confronto con la realtà spagnola della Comunidad Valenciana, località Oropesa del Mar, nasce da un lungo soggiorno trascorso personalmente nella Penisola Iberica.

Mostra/Nascondi contenuto.
8 Introduzione INTRODUZIONE Il mercato mondiale del turismo, a seguito dell’atto terrori- stico che ha causato il crollo delle Twin Towers nel 2001, ha purtroppo registrato una contrazione ed un ridimensiona- mento delle posizioni dei singoli Paesi nell’utilizzo delle de- stinazioni più prestigiose. Il risultato più eclatante è stato la riscoperta, non più per opportunità o per convenienza economica, della vacanza in ca- sa propria, dove il turista si sente psicologicamente più tran- quillo e privo del timore o il terrore di incorrere nel rischio di “saltare in aria”. Tale spinta emotiva si è profondamente radicata da un lato negli operatori e dall’altro negli investitori, favorita dal calo generalizzato del costo del denaro. Quest’ultimo ha infatti incoraggiato il boom del mercato immobiliare e, di conse- guenza, il mercato immobiliare turistico (con l’acquisto della seconda e terza casa). La fioritura del mercato immobiliare turistico è stata la con- seguenza, oltre che del basso costo del denaro, del desiderio di investire in immobili di fascia meno importante, rispetto agli immobili definibili come “prima casa”. Coerentemente, è cresciuto anche l’appeal degli investimenti

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Ivana Guarini Contatta »

Composta da 119 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2224 click dal 11/01/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.