Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi nel settore mondiale degli idrocarburi (il ruolo delle repubbliche caspiche nel mercato energetico internazionale)

Il lavoro si prefigge di analizzare gli aspetti macroeconomici causati da un eventuale raggiungimento del “picco produttivo” nella produzione di idrocarburi tradizionali e valutare, all’interno del contesto energetico mondiale, l’apporto dell’emergente produzione dell’area caspica, sia in termini di potenzialità produttive sia distributive.

Mostra/Nascondi contenuto.
Premessa Il tema delle fonti energetiche, e le sue implicazioni riguardo le strategie di approv- vigionamento, sono argomenti che, poche volte come oggi, hanno rivestito un’importanza sostanziale, anche riguardo ad un eventuale mutamento degli equilibri politici a livello mondiale. Da un’analisi, pur superficiale, risulta evidente che la disponibilità e l’impiego di i- drocarburi tradizionali (petrolio, gas naturale, carbone) ha rappresentato, e rischia di rappresentare anche per il prossimo futuro, un elemento cruciale per lo sviluppo ed il mantenimento del livello industriale di paesi che, sottovalutando l’aspetto della sal- vaguardia ambientale, fondano i loro processi industriali sulla combustione di idro- carburi fossili. Data per assunta questa tendenza, sarà determinante capire per quanto tempo potrà essere ancora possibile fondare le strategie industriali su questa tipologia di fonti e- nergetiche, anche alla luce delle stime geologiche pessimistiche che si rincorrono in questi ultimi tempi, chi saranno i principali attori, sia dal lato della domanda sia da quello dell’offerta, ma soprattutto che proporzione avranno i benefici derivanti da questo processo di sfruttamento per i paesi utilizzatori, e per i paesi detentori delle fonti in questione. L’area centrasiatica delimitata dal Mar Nero ad occidente, che attraversa le montagne caucasiche e lo specchio d’acqua del Caspio, e termina con le immense steppe kaza- ke ad oriente, si sta confermando negli ultimi anni come un’area detentrice di ener-

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Simone Zanna Contatta »

Composta da 191 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1872 click dal 12/01/2005.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.