Skip to content

Una Chiesa Aladura Nigeriana: La Chiesa dei Cherubini e dei Serafini

Informazioni tesi

  Autore: Anna Paola Pascuzzi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Danila Visca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 180

INTRODUZIONE

L’obiettivo del presente lavoro è l’analisi della Cherubim and Seraphim Church (qui di seguito riportata con la sigla C & S), una peculiare Chiesa Africana Indipendente (AIC ), sviluppatasi in Nigeria, presso l’etnia yoruba, a partire dagli anni venti del ventesimo secolo e rientrante nell’ambito religioso delle Chiese di guarigione per fede denominate “Aladura” o “oranti”.
L’etnia yoruba è presente nella zona sud-occidentale della Nigeria, che ricordiamo è una delle nazioni più popolose dell’Africa (centoventisette milioni di persone nel 2001) e che “s’è dimostrata un terreno fertilissimo per la nascita delle chiese indipendenti. Nel 1970, quelle registrate presso il governo erano oltre settecento. Da allora non hanno fatto che aumentare” .
Ci proponiamo di studiare la C & S, movimento religioso molto diffuso anche a livello mondiale, partendo dalla realtà storico-politica del Paese e analizzando il contesto delle Chiese Aladura.
Diversi sono stati i problemi affrontati per l’elaborazione dell’argomento: la difficoltà del reperimento delle fonti, dovuta all’insufficienza di studi sulla C & S a parte la monografia scritta dal Rev. Akindele Omoyajowo nel 1982, lo studio generale di J. D.Y. Peel sull’Aladura del 1968 e il saggio di H. W. Turner su un’altra Chiesa Aladura (Church of the Lord) del 1967; la totale mancanza di studi organici completi e soprattutto aggiornati sul vasto ed importante fenomeno delle AIC in Africa occidentale; l’organizzazione di molto materiale, troppe volte ripetitivo e con pochi spunti interessanti che potessero gettare luce sul fenomeno Aladura nel suo complesso e sulla realtà enormemente scismatica e plurima della C & S; la definizione della storia religiosa contemporanea di una parte dell’Africa subsahariana.
Molte informazioni inerenti allo sviluppo attuale della Chiesa e alla sua diffusione in USA ed Europa sono state reperite con l’ausilio di internet, oltre che con lo spoglio di molte riviste contemporanee.
L’analisi della C & S è stata avviata affrontando diversi quesiti riguardanti la religiosità africana, l’impatto con la cultura bianca, la decolonizzazione. Da principio ci siamo posti la seguente domanda: qual’è (o meglio qual’era) la realtà religiosa dell’etnia yoruba nell’Africa occidentale del ventesimo secolo? Ci siamo chiesti come si siano trasformate localmente forme religiose estremamente plastiche, quelle stesse di una etnia che, trasportata in epoca schiavistica, aldilà dell’Atlantico, ha saputo difendere e ricreare il proprio credo in modo sincretico, dando vita al Candomblè, alla Macumba e all’Umbanda in Brasile, alla Santeria a Cuba, allo Changô a Trinidad e nelle Antille e alle diverse congregazioni religiose negli USA.
La nostra ricerca è partita dalla constatazione della fondamentale importanza della religione presso la popolazione africana a livello esistenziale e in termini pratici; ci siamo chiesti se il cristianesimo dei bianchi, durante la colonizzazione, momento storico in cui è sorta la C & S, potesse assolvere le stesse funzioni della religione tradizionale, e se e come gli africani avessero trovato le risposte ai loro quesiti o se fossero stati in grado di riformulare il cristianesimo in termini tipicamente africani.
Avanzando con l’analisi storico-religiosa della Nigeria, ci siamo resi conto che non stavamo affrontando una etnia “vergine” e intatta rispetto alla cristianizzazione, ma una etnia già da tempo evangelizzata e “contaminata” dall’occidentalizzazione anche se ancora legata alle proprie tradizioni religiose.
La C & S è nata in un contesto di evangelizzazione protestante che abbiamo verificato non essere propriamente “sentita”, in senso africano, dalla popolazione, e si è diffusa presso i nigeriani in un periodo di grande disillusione religiosa, dovuta all’epidemia influenzale del 1918-19 e soprattutto in seguito alla peste bubbonica del 1924-26, che il cristianesimo e le sofisticate medicine occidentali non erano riuscite a contrastare.
Per capire a fondo la C & S, ci siamo chiesti come e su quali basi le Chiese africane si fossero sviluppate e come avessero determinato la loro realtà autonoma.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE L’obiettivo del presente lavoro è l’analisi della Cherubim and Seraphim Church (qui di seguito riportata con la sigla C & S), una peculiare Chiesa Africana Indipendente (AIC 1 ), sviluppatasi in Nigeria, presso l’etnia yoruba, a partire dagli anni venti del ventesimo secolo e rientrante nell’ambito religioso delle Chiese di guarigione per fede denominate “Aladura” o “oranti”. L’etnia yoruba è presente nella zona sud-occidentale della Nigeria, che ricordiamo è una delle nazioni più popolose dell’Africa (centoventisette milioni di persone nel 2001) e che “s’è dimostrata un terreno fertilissimo per la nascita delle chiese indipendenti. Nel 1970, quelle registrate presso il governo erano oltre settecento. Da allora non hanno fatto che aumentare” 2 . Ci proponiamo di studiare la C & S, movimento religioso molto diffuso anche a livello mondiale, partendo dalla realtà storico-politica del Paese e analizzando il contesto delle Chiese Aladura. Diversi sono stati i problemi affrontati per l’elaborazione dell’argomento: la difficoltà del reperimento delle fonti, dovuta all’insufficienza di studi sulla C & S a parte la monografia scritta dal Rev. Akindele Omoyajowo nel 1982, lo studio generale di J. D.Y. Peel sull’Aladura del 1968 e il saggio di H. W. Turner su un’altra Chiesa Aladura (Church of the Lord) del 1967; la totale mancanza di studi organici completi e soprattutto aggiornati sul 1 AIC è l’acronimo di African Independent Churches. E’ doveroso segnalare che alcuni autori usano riportare la sigla in forma plurale (AICs), in questa trattazione, invece, abbiamo scelto di utilizzare la forma singolare. 2 Moretti, F., Indipendentismo Cristiano: le Chiese Aladura, in La Chiesa Cattolica in Nigeria di J. Opkara in “Nigrizia”, aprile 1993, pp. 31-42.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abiodun akinsowon
acculturazione
africa
antropologia
etnologia
imperialismo
orimolade
protestantesimo
sincretismo
storia religiosa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi