Skip to content

Le assemblee elettive locali nella transizione italiana. Analisi di un caso

Informazioni tesi

  Autore: Carlo Poggi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Andrea Mignone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 167

la realtà delle Assemblee Elettive, degli Organi Esecutivi e delle forze politiche del mio Comune di nascita e di residenza.
Da alcuni anni mi occupo della vita politica di Varazze che ha subito una rivitalizzazione notevole con l’introduzione dell’elezione diretta del Sindaco ad opera della Legge 81 del 25 marzo 1993.
Questa Legge è stata uno dei passi fondamentali della transizione italiana degli anni novanta e ha segnato una svolta senza precedenti nella tradizione politica di Varazze.
Per capire la portata di questa vera e propria “rivoluzione” politica ho cominciato la mia ricerca analizzando i risultati e gli avvenimenti politici ed amministrativi delle legislature che si sono succedute a partire dal 1985: le ultime due con il precedente sistema elettorale e le prime tre con il nuovo.
La lettura dei verbali dei Consigli Comunali, dei quotidiani, dei dati elettorali e delle testimonianze degli attori politici dell’epoca mi ha permesso di capire e descrivere i meccanismi, non solo del voto, ma anche quelli interni all’Assemblea ed ai Partiti che erano i veri protagonisti della formazione delle Giunte Municipali e delle principali decisioni amministrative prima del 1993.
Il raffronto tra le prassi amministrative precedenti l’entrata in vigore della Legge 81 e le norme in essa contenute, che hanno inciso in maniera radicale sul modo di gestire ed amministrare un Comune di meno di 15.000 abitanti, dava la possibilità di avanzare una serie di ipotesi, e magari qualche conclusione, su un terreno di indagini ancora inesplorato almeno per quanto riguarda Varazze.
Varazze si presentava, ed ancora si presenta, come un Comune di Centro Destra, dominato per oltre quarant’anni dalla Democrazia Cristiana che tuttavia a partire dal 1995 ha scelto di affidare la propria amministrazione a Sindaci e Giunte di Centro Sinistra, pur mantenendo a livello provinciale, regionale e nazionale il proprio orientamento centrista.
Il sistema elettorale, che prevede il sostegno al candidato Sindaco di una sola Lista ha ulteriormente accentuato la crisi dei Partiti in sede locale, dando vita alla nascita di Liste Civiche che nella più parte dei casi si sono rivelate solamente contenitori elettorali e che sono scomparse nell’arco di una legislatura.
Dal momento che la disgregazione partitica ed il nuovo sistema elettorale hanno spostato i centri decisionali nella persona del Sindaco e dell’Assemblea Consiliare mi sono dedicato, anche per l’enorme disponibilità di materiale, all’analisi delle relazioni e dei rapporti tra i vari organi amministrativi con particolare attenzione alle dinamiche dell’Assemblea Elettiva.
Ma forse il movente principale che mi ha spinto a trattare delle elezioni amministrative del 2004 è stato il fatto di poter analizzare le tappe di avvicinamento alle elezioni in tempo reale, descrivendo e narrando gli eventi politici che si succedevano senza possedere ancora i risultati elettorali.
L’intento è proprio quello di leggere ed interpretare gli avvenimenti politici che sono accaduti a partire dall’ottobre del 2003, mese in cui ho incominciato le mie ricerche, proprio mentre questi si susseguono e cercare di fornirne possibili interpretazioni in chiave elettorale ed infine di confrontarle con i risultati delle elezioni del 12 e 13 giugno.
Si è trattato di una sfida con me stesso o almeno con le mie capacità di analisi politica; per fare questo oltre a studiare le fonti ufficiali e quelle scritte, di cui ho fatto ampio uso e che ho riportato nella loro quasi totalità, mi sono rivolto ed ho intervistato moltissimi protagonisti della vita politica varazzina: Sindaci, Consiglieri Comunali, Segretari di Partito ed altri protagonisti della vita politica locale.
Questo mio lavoro si suddivide essenzialmente in tre parti: una prima parte in cui mi occupo della Legge 81 in generale e dei suoi effetti sul sistema amministrativo italiano, una seconda in cui racconto e confronto le legislature varazzine del 1985 e del 1990 con quelle del 1995 e del 1999 le cui Amministrazioni sono state elette con il nuovo sistema elettorale e sono disciplinate dalle norme delle Leggi 142/90 e 241/90 ed infine una terza parte in cui descrivo il clima politico, gli avvenimenti amministrativi e la campagna elettorale del 2004 con conseguente analisi dei risultati di quest’ultima tornata elettorale.
Un altro obbiettivo che mi sono posto è stato quello di cercare di fare un’analisi della vita politica ed elettorale di un Comune partendo da un punto di vista interno, dal particolare al generale, cercando di reperire quelle caratteristiche che fanno di Varazze un tipica realtà locale italiana e quelle che la rendono invece particolare ed unica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La scelta di un argomento, di una materia e di un titolo per la propria tesi è uno dei compiti più difficili che uno studente deve affrontare nel proprio cursus studiorum. Il mio caso non ha fatto eccezione, in considerazione pure del lungo e farraginoso percorso che mi ha portato alla laurea, anche se questa incertezza è stata fugata nel momento in cui si è prospettata la possibilità di studiare, su consiglio del prof. Mignone, la realtà delle Assemblee Elettive, degli Organi Esecutivi e delle forze politiche del mio Comune di nascita e di residenza. Da alcuni anni mi occupo della vita politica di Varazze che ha subito una rivitalizzazione notevole con l’introduzione dell’elezione diretta del Sindaco ad opera della Legge 81 del 25 marzo 1993. Questa Legge è stata uno dei passi fondamentali della transizione italiana degli anni novanta e ha segnato una svolta senza precedenti nella tradizione politica di Varazze. Per capire la portata di questa vera e propria “rivoluzione” politica ho cominciato la mia ricerca analizzando i risultati e gli avvenimenti politici ed amministrativi delle legislature che si sono succedute a partire dal 1985: le ultime due con il precedente sistema elettorale e le prime tre con il nuovo. La lettura dei verbali dei Consigli Comunali, dei quotidiani, dei dati elettorali e delle testimonianze degli attori politici dell’epoca mi ha permesso di capire e descrivere i meccanismi, non solo del voto, ma anche quelli interni all’Assemblea ed ai Partiti che erano i veri protagonisti della formazione delle Giunte Municipali e delle principali decisioni amministrative prima del 1993. Il raffronto tra le prassi amministrative precedenti l’entrata in vigore della Legge 81 e le norme in essa contenute, che hanno inciso in maniera radicale sul modo di gestire ed amministrare un Comune di meno di 15.000 abitanti, dava la possibilità di avanzare una serie di ipotesi, e magari qualche conclusione, su un terreno di indagini ancora inesplorato almeno per quanto riguarda Varazze. Nella mia indagine mi sono avvalso del numeroso materiale esistente sull’argomento cercando di trarne gli spunti che si adattassero maggiormente alle peculiarità della mia città. Infatti Varazze si presentava, ed ancora si presenta, come un Comune di Centro Destra, dominato per oltre quarant’anni dalla Democrazia Cristiana che tuttavia a partire dal 1995 ha scelto di affidare la propria amministrazione a Sindaci e Giunte di Centro Sinistra, pur mantenendo a livello provinciale, regionale e nazionale il proprio orientamento centrista. Forse è stata proprio la forza della D.C. che, nonostante il Partito si sia disgregato agli inizi degli anni novanta, non ha consentito ai Partiti del Polo delle Libertà di appropriarsi del suo consenso elettorale. Il sistema elettorale, che prevede il sostegno al candidato Sindaco di una sola Lista ha ulteriormente accentuato la crisi dei Partiti in sede locale, dando vita alla nascita di Liste Civiche che nella più parte dei casi si sono rivelate solamente contenitori elettorali e che sono scomparse nell’arco di una legislatura. Dunque, se i Partiti del Centro Destra non si sono mai definitivamente affermati nel tessuto politico cittadino, quelli del Centro Sinistra si sono avvalsi in questi 14 anni dell’esperienza maturata nel 1990 con la Lista Civica Varazze Insieme, una sorta di antenato dell’odierno Ulivo ed hanno goduto di tale vantaggio nelle successive tre legislature. Dal momento che la disgregazione partitica ed il nuovo sistema elettorale hanno spostato i centri decisionali nella persona del Sindaco e dell’Assemblea Consiliare mi sono dedicato, anche per l’enorme disponibilità di materiale, all’analisi delle relazioni e dei rapporti tra i

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amministrazione
assemblee elettive
centro destra
centro-sinistra
elezioni amministrative
legge 81/93
legislatura
partiti
sindaco
varazze

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi