Skip to content

Effetti delle zeoliti naturali sul processo di phytoremediation di terreni contaminati da zinco e piombo

Informazioni tesi

  Autore: Federico Congiu
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria per l'ambiente e il territorio
  Relatore: Alessandra Carucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 162

La ricerca ha avuto come obiettivo quello di verificare se l’utilizzo delle zeoliti come agenti ammendanti in un processo di fitostabilizzazione possa alleviare gli effetti di tossicità sulle piante dei metalli pesanti presenti nel terreno, con particolare riferimento a zinco e piombo, e ridurne la biodisponibilità e il rischio di diffusione. Si è voluto verificare inoltre l’effetto delle zeoliti caricate con ammonio, rispetto a quelle non caricate, sullo sviluppo delle piante e sul processo complessivo di immobilizzazione. La specie vegetale utilizzata per questo esperimento è la Mirabilis Jalapa.
Sono state utilizzate due differenti dosi di zeolite, 50 e 100 g/kg, su due terreni contaminati artificialmente con circa 4.000 ppm di zinco e di piombo rispettivamente. Gli esperimenti sono stati condotti in doppio ed i risultati confrontati con gli stessi terreni ugualmente contaminati ma senza aggiunta di zeoliti (prove di controllo). Si è osservata un’influenza in generale positiva delle zeoliti (cariche e non) sullo sviluppo delle piante, in particolare nei vasi contaminati da Pb, sulla concentrazione dei metalli nei tessuti vegetali (in particolare nelle radici) e sulla rimozione dei metalli dal terreno (più marcata per lo Zn).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione I metalli pesanti sono naturalmente presenti nelle rocce e nei suoli, ma per lo più in forme non disponibili per gli organismi viventi (Shu e Xia, 2003). L’inquinamento del suolo dovuto all’accumulo di metalli è nella gran parte dei casi conseguenza delle attività umane. Principali cause di contaminazione sono vari processi industriali, le centrali termoelettriche, lo sfruttamento e la successiva dismissione delle miniere, il traffico motorizzato, l’accumulo di rifiuti urbani e il loro incenerimento, l’utilizzo di fertilizzanti. Questo tipo di inquinamento è uno dei maggiori problemi ambientali nei paesi industrializzati ed in via di sviluppo, con potenziali gravi conseguenze sulla salute umana e per l’ambiente (Bregante et al., 2001). La decontaminazione di suoli inquinati da metalli è un problema estremamente difficile da trattare. I processi di tipo meccanico e chimico-fisico, infatti, sono molto costosi e tendono ad alterare l’attività biologica e le proprietà del suolo, modificandone le caratteristiche intrinseche. L’utilizzo delle tecniche della phytoremediation per la bonifica di suoli inquinati da metalli pesanti è considerata una soluzione innovativa, economica ed ecologicamente compatibile (Shu e Xia, 2003). Tra le diverse tecniche di phytoremediation, una è la fitostabilizzazione, che sfrutta la capacità di alcune specie vegetali tolleranti ad elevate concentrazioni di contaminanti di produrre composti chimici in grado di immobilizzare i contaminanti stessi all’interfaccia tra le radici e il suolo per mezzo di meccanismi fisici quali assorbimento, adsorbimento, precipitazione, complessazione, ma anche mediante legami chimici con le sostanze prodotte dalle radici. In questo modo viene rallentata o inibita la migrazione verticale del contaminante dal suolo alla falda e la sua dispersione per effetto dei meccanismi di erosione e dilavamento. Per il trattamento dei suoli contaminati da metalli pesanti, in particolare, è possibile addizionare al terreno prodotti ammendanti e/o fertilizzanti, facilmente reperibili e poco costosi, che migliorano le proprietà chimico-fisiche e biologiche del terreno e favoriscono il processo di immobilizzazione (Martella et al., 2002). Possono essere utilizzati a questo scopo materiali derivanti da minerali naturali o da scarti di produzione, quali calce, fosfati, sostanze organiche, zeoliti, apatite, ossidi di ferro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ammendanti
bonifica
contaminati
fitoestrazione
fitorisanamento
fitostabilizzazione
phytoextraction
phytoremediation
phytostabilization
siti
zeoliti
zinco piombo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi