Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Palladianesimo in Inghilterra. Arte, pensiero, società e amore per l'antico nel '600 e nel '700.

La mia tesi si propone di ricostruire l'origine del pensiero razionale ed etico dell'arte e dell'architettura partendo dall'Inghilterra rivoluzionata dopo il regno di Elisabetta I, con la nascita del nuovo pensiero scientifico ed empirico che precede l'Illuminismo, il rigore protestante e un progressivo diffondersi dell'amore per la concezione della natura e dell'architettura degli Antichi tramite il trattato di Palladio e i testi degli umanisti italiani veicolati dai contatti inglesi con la Repubblica di Venezia. L'analisi si apre anche ad un confronto con la restante arte ed estetica europea predominata dalla diffusione del Barocco, fenomeno artistico legato all'assolutismo monarchico e alla controriforma cattolica: la nazione britannica appare all'interno di questo panorama in netta controtendenza filosofica ed artistica dovuta soprattutto al formarsi di un senso democratico e libertario portato dagli avvenimenti bellicosi della rivoluzione civile del Commonwealth, si origina così come conseguenza un senso di tolleranza religiosa e civile diffuso.
Vi è la ricerca del perché del modello Palladiano e non di altri modelli per la nuova architettura ed arte britannica, svincolata all'improvviso da stilemi medievali, alla ricerca di una sua nuova identità con una ricca indagine storica e sociale oltre che filosofica. Per mezzo di Palladio si crea una nuova Architettura pubblica, nuove sensibilità urbane con piazze e giardini (il giardino paesistico inglese), il modello della villa privata (la country house) realizzando nel '700 addirittura progetti che il maestro veneto lasciò solo sulla carta; tutto ciò teso alla ricerca della Virtus dell'uomo e di un gusto pulito apprezzabile dall'intelletto.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Figura 1 Controfrontespizio Quattro Libri di Palladio (traduzione di Leoni - 1716) Siamo nel 1716 a Londra e dalla traduzione di Leoni dei Quattro Libri di Palladio si vede un’allegoria del tempo che svela un busto di Palladio: è raffigurata in basso una fama alata ed in alto, sopra le nuvole, appare la Britannia con le insegne reali insieme a due putti che reggono lo stemma reale. Le tre grandi figure allegoriche formano una composizione decorativa attorno

Diploma di Laurea

Facoltà: Beni culturali

Autore: Elena Draghi Contatta »

Composta da 163 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5266 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.