Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le clausole di esclusione e di limitazione della responsabilità

Nel percorso del lavoro vengono analizzati i fondamenti e tutte le possibili implicazioni giuridico-economiche delle clausole maggiormente usate nel mondo della contrattazione per modificare il regime di responsabilità a carico delle parti contrattuali.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO 1 L’articolo 1229 c.c.: radici storiche, ratio e rilevanza nell’ordinamento giuridico italiano 1.1 : PREMESSA Al giorno d’oggi le parti di un contratto usano spesso modificare il regime legale della responsabilità inserendo nel regolamento negoziale clausole che escludono, limitano o comunque modificano le conseguenze di un eventuale inadempimento. Il problema investe i più svariati tipi contrattuali passando dall’assicurazione all’appalto, dalla vendita ai contratti bancari, dal leasing al contratto di trasporto. Inoltre coinvolge, soprattutto nei tempi più recenti, temi che riguardano la disciplina del contratto da un punto di vista più generale quali la crisi del tradizionale principio dell’autonomia contrattuale di fronte alla sempre maggior proliferazione dei contratti standard predisposti unilateralmente dalla parte dotata di maggior potere e la conseguente esigenza di tutela richiesta dall’emergente categoria del consumatore. Così accanto a una norma fondamentale che esprime il principio cardine su cui si fonda la disciplina delle clausole modificative della responsabilità, l’art. 1229 del codice civile, troviamo un numero cospicuo di altre disposizioni, ora di origine codicistica ora enunciate in leggi specifiche per materia, che tracciano il complesso quadro a cui deve far riferimento l’interprete che si trovi di fronte ad una modifica convenzionale della responsabilità. Tuttavia prima di analizzare le specifiche clausole che oggi le parti usano inserire nei contratti per tracciarne i confini applicativi e di validità e al fine di meglio comprendere la ratio e la funzione del citato articolo 1229 c.c. occorre rinvenire, attraverso un breve excursus storico, l’origine e il successivo sviluppo delle clausole oggetto della presente ricerca e dei principi giuridici ad esse collegati. Dobbiamo così tornare indietro alle origini più remote del nostro sistema giuridico, e più specificatamente all’età classica del diritto romano, per rinvenire una prima traccia di una possibile modifica al sistema della responsabilità contrattuale attuata dalle parti.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Francesco Brambilla Pisoni Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3856 click dal 14/03/2005.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.