Skip to content

Gli effetti del fallimento sul contratto di mandato

Informazioni tesi

  Autore: Rosario Vitolo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: E. f. Ricci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 146

L’imprenditore commerciale nella sua attività d’impresa, quotidianamente, si serve del contratto di mandato per concludere quasi tutti i negozi giuridici che il nostro ordinamento riconosce e tutela.
Perciò, se l’oggetto del presente studio, ancorché concernente il diritto fallimentare, non fosse ulteriormente delimitato, risulterebbe molto vasto.
Preliminarmente, ci si limiterà ad indagare sulla ratio dell’art. 78 della legge fallimentare che prevede l’automatico scioglimento del contratto di mandato per il fallimento del mandante o del mandatario, comparandola con la disciplina completa di diritto sostanziale contenuta nel codice civile.
Sarà approfondita la fattispecie inerente al fallimento del mandante, con particolare riguardo all’aspetto più problematico e controverso relativo al fallimento del mandante nel caso di conferimento del mandato cd. in rem propriam.
Si cercherà di dimostrare come il netto contrasto fra la dottrina, quasi unanimemente, fedele ad un’interpretazione strettamente letterale e coerente con il sistema dell’art.78 l.f. e la giurisprudenza, orientata sulla tesi dell’inapplicabilità dell’art.78 l.f. al mandato in rem propriam in caso di fallimento del mandante, che si trascina sin dalle prime pronunce giurisprudenziali risalenti al periodo successivo all’entrata in vigore della legge fallimentare del 1942, oggi potrebbe dirsi quasi esaurito.
Infatti, dall’iniziale tesi giurisprudenziale dell’insensibilità del mandato in rem propriam in caso di fallimento del mandante, fondata sull’estensione analogica dell’art.1723 cc alla l. f., si è passati ad affermare che il fallimento possa essere causa di giusta revoca ex art.1723 cod. civ., quando la sua sopravvivenza contrasti con i fini propri della procedura fallimentare con una valutazione da notarsi caso per caso.
Recentemente si è affermato, limitatamente alla specie del mandato in rem propriam all’incasso di somme, che esso non sopravvive al successivo fallimento del mandante, poiché l’esecuzione dello stesso non può sovrapporsi alle regole inderogabili del concorso e pertanto, il mandatario in rem propriam pur rimanendo legittimato all’incasso dei crediti, sarebbe in ogni caso tenuto a restituire al curatore le somme riscosse dopo la dichiarazione di fallimento non potendo operare la compensazione fallimentare ex art.56 l.f tra crediti anteriori vantati nei confronti del fallito e debiti verso il medesimo sorti nel corso della procedura fallimentare.
Quest’ultima pronuncia, ora isolata e limitata al caso in specie, se dovesse confermarsi come nuovo orientamento della giurisprudenza di legittimità, porta con sé l’effetto pratico di attenuare di molto la portata della sopravvivenza del mandato in rem propriam in caso di fallimento del mandante poiché il mandatario difficilmente troverà economicamente conveniente compiere un’attività di esazione del credito che non andrebbe a suo beneficio bensì a vantaggio del fallimento.
Di qui ad arrivare ad ammettere lo scioglimento tout court anche di questo tipo di mandato, tra l’altro più volte affermato dalla giurisprudenza di merito anche in epoca risalente, il passo è breve e auspicabile.
Infine si indagherà sugli effetti del fallimento sul mandato alle liti, con particolare riferimento alla convenzione di arbitrato cercando di individuare, per quest’ultimo, il momento di rilevanza della fattispecie dell’art.78 l.f. che si ritiene vada ricercato non nel momento della stipulazione della convenzione arbitrale, mediante la clausola compromissoria o il compromesso, bensì nel momento in cui si procede alla nomina degli arbitri.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE L’imprenditore commerciale nella sua attività d’impresa, quotidianamente, si serve del contratto di mandato per concludere quasi tutti i negozi giuridici che il nostro ordinamento riconosce e tutela. Perciò, se l’oggetto del presente studio, ancorchè concernente il diritto fallimentare, non fosse ulteriormente delimitato, risulterebbe molto vasto. Preliminarmente, ci si limiterà ad indagare sulla ratio dell’art. 78 della legge fallimentare che prevede l’automatico scioglimento del contratto di mandato per il fallimento del mandante o del mandatario, comparandola con la disciplina completa di diritto sostanziale contenuta nel codice civile. Sarà approfondita la fattispecie inerente al fallimento del mandante, con particolare riguardo all’aspetto più problematico e controverso relativo al fallimento del mandante nel caso di conferimento del mandato cd. in rem propriam. Si cercherà di dimostrare come il netto contrasto fra la dottrina, quasi unanimemente, fedele ad un’interpretazione strettamente letterale e coerente con il sistema dell’art.78 l.f. e la giurisprudenza, orientata sulla tesi dell’inapplicabilità dell’art.78 l.f. al mandato in rem propriam in caso di fallimento del mandante, che si trascina sin dalle prime pronunce giurisprudenziali risalenti al periodo successivo all’entrata in vigore della legge fallimentare del 1942, oggi potrebbe dirsi quasi esaurito. Infatti, dall’iniziale tesi giurisprudenziale dell’insensibilità del mandato in rem propriam in caso di fallimento del mandante, fondata sull’estensione analogica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

contratto di mandato
diritto fallimentare
fallimenti
fallimento

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi