Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Raccolta, riutilizzo e recupero dei rifiuti

Argomento della presente tesi è il “mondo” dei rifiuti, una delle tematiche che, da alcuni anni, si è imposta all’attenzione dell’opinione pubblica e che è stata ed è tuttora oggetto di numerosi interventi legislativi a livello nazionale ed europeo. Si è presentato il problema “rifiuti” nei suoi molteplici aspetti e si è cercato di evidenziare i vari accorgimenti utilizzati per ridurne l’eccedenza e le tecniche di smaltimento. Inoltre sono stati messi in risalto i nuovi strumenti di produzione dell’energia.
Nel primo capitolo si introducono in generale le norme a livello comunitario e nazionale che hanno caratterizzato il settore dei rifiuti e si analizza il ruolo delle Amministrazioni regionali, provinciali e comunali.
Nel secondo capitolo si prendono in esame le problematiche relative alla raccolta differenziata e si analizzano i dati nazionali e i sistemi adottati per garantire al meglio la gestione del servizio di raccolta.
Nel terzo capitolo si esaminano, nel contesto nazionale, le problematiche di gestione del servizio di raccolta e di smaltimento dei rifiuti solidi urbani.
Nel quarto capitolo, viene presentato un dossier sulle problematiche del Termovalorizzatore, un nuovo sistema di produzione di energia che ha come “combustibile” i rifiuti.
Infine, una trattazione specifica è stata riservata, nel quinto capitolo, allo studio di un caso concreto: l’organizzazione della raccolta differenziata a Calimera, un piccolo Comune del Salento, utilizzando i dati sulle quantità raccolte nell’anno 2001 - 2002.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE “Non è la terra che appartiene all’uomo, ma è l’uomo che appartiene alla terra” 1 : questo cercavano di spiegare, inutilmente, gli Indiani Seattle ai colonizzatori bianchi in pieno ottocento. In natura gli organismi viventi, piante, animali e decompositori, hanno la capacità di mantenere situazioni di equilibrio ecologico attraverso processi naturali ciclici che consentono di recuperare, riciclando, le risorse del pianeta. L’uomo da solo non ne è capace, anzi, da quando 5 milioni di anni fa è apparso sulla Terra, ha causato alterazioni anche al ciclo naturale degli altri organismi viventi. Ciò perché i tempi biologici della natura e quelli storici dell’uomo non sono in sincronia ed i rifiuti prodotti dalla società rimangono, addirittura aumentano, rappresentando una sfida per la società moderna. Una società fortemente industrializzata come la nostra, peraltro in continua crescita demografica ed urbana, è una società che inquina, da un lato perché richiede beni la cui produzione ha effetti negativi sull’ambiente, poiché diventeranno potenziali rifiuti, dall’altro perché consuma risorse limitate ed esauribili. Ne consegue la necessità, da parte degli ordinamenti positivi, di 1 Dalla risposta del Capo degli Indiani Seattle alla richiesta di vendita di un vasto territorio indiano, 1854.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Marco Manni Contatta »

Composta da 125 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 16773 click dal 28/02/2005.

 

Consultata integralmente 42 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.