Skip to content

Dall'aggiornamento obbligatorio ad un modello di Sviluppo Professionale Continuo in medicina. L'esperienza del Knowledge Centre dell'ospedale di Udine

Informazioni tesi

  Autore: Andrea Roselli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Patrizia Cinti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 267

La rapida e continua evoluzione della medicina ed in generale delle conoscenze biomediche, nonché l'accrescersi continuo delle innovazioni sia tecnologiche che organizzative, rendono sempre più difficile per il singolo operatore della sanità mantenere aggiornate le proprie conoscenze.
Nell’ambito del programma di Educazione Continua in Medicina (ECM) è stata istituzionalizzata in Italia, con il decreto legislativo n. 229 del 19 giugno 1999, l’attività di formazione continua rivolta agli operatori sanitari. Il progetto di educazione continua, presenta numerose problematiche e invita a riflettere su quanto possa essere logico ed efficace per migliorare la propria professionalità, totalizzare il numero di crediti formativi annui assegnati in base alla partecipazione ad eventi congressuali e, procedura che si sta man mano concretizzando, corsi di formazione a distanza. Questa modalità di assegnazione dei crediti, non può essere la sola e principale prassi di garanzia formativa. Occorre impostare allo stesso tempo, un sistema che riconosca crediti per lo sviluppo di capacità tecnico-professionali, per lo sviluppo di esperienze organizzativo-gestionali, per le attività di autoformazione e per tutta una serie di occasioni formative e di crescita professionale che si allontanano da un rapporto docente-discenti. In base a queste esigenze, il presente lavoro indaga sulle modalità seguite dall’Azienda Ospedaliera “Santa Maria della Misericordia” di Udine nell’implementazione di un sistema di gestione delle conoscenze clinico-organizzative orientato alla promozione di un nuovo modello di formazione continua, imperniato sull’utilizzo tendenzialmente routinario di risorse elettroniche ed inteso come processo mediante il quale i professionisti si mantengono aggiornati nelle conoscenze e sulle modalità pratiche, per rispondere alle necessità dei pazienti e del sistema sanitario e cogliendo nella pratica clinica le opportunità per il proprio sviluppo professionale individuale. Infatti, attingendo all’ampia letteratura pubblicata in sezioni riservate del Knowledge Centre, il clinico ha l’opportunità di valutare e migliorare la propria conoscenza di linee-guida comportamentali e di protocolli, espressioni delle più avanzate e condivise evidenze cliniche. Per comprendere come tra gli obiettivi del progetto ambito dal Dipartimento “Conoscenza e Ricerca” dell’Azienda Ospedaliera ci sia l’intenzione di raggiungere uno Sviluppo Professionale Continuo, sono state concentrate attività su tre filoni: la formazione sulle basi dati bibliografiche per supportare l’accesso e l’utilizzo critico delle informazioni scientifiche, la pianificazione e realizzazione di strumenti innovativi di strutturazione delle conoscenze e delle comunicazioni cliniche come il Knowledge Centre ed i Forum del Knowledge Centre e l’incubazione di gruppi trasversali multiprofessionali come i gruppi EBM-EBN (Evidence Based Medicine e Nursing). A compimento di tali attività, il progetto prevede la sperimentazione di sessioni di formazione a distanza, e nell’ambito del presente lavoro, è stata presa in considerazione la prima iniziativa realizzata con un gruppo di specialisti in otorinolaringoiatria.
Le strategie di gestione della conoscenza e la convergenza tra knowledge Management sostanziano il fulcro su cui si sviluppa tutto il progetto del Knowledge Centre. Il modello di gestione delle conoscenze realizzato nell’Azienda Ospedaliera di Udine, ambisce a supportare e preparare l’organizzazione sanitaria impegnata nelle sfide del cambiamento, sempre più rapido e quasi caotico. Viene esaminato in concreto il ciclo di creazione – accesso – utilizzo – valutazione - stoccaggio delle conoscenze, sia cliniche che organizzative, ciclo che richiede sempre più spesso un approccio integrato che valorizzi e renda coerenti le risorse del professionista e le dinamiche dell’organizzazione.
In ultimo, per mezzo della ricerca effettuata sarà verificato come il Knowledge Centre, favorendo il miglioramento organizzativo, fornendo uno spazio digitale a beneficio delle varie professioni sanitarie e consentendo l’accesso alla letteratura critica, si ponga come uno strumento indispensabile nella promozione di uno Sviluppo Professionale Continuo che ogni singolo professionista può raggiungere, combinando in modo appropriato le conoscenze via via acquisite e la riflessione sistematica sulla pratica clinica.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
10 INTRODUZIONE In questo lavoro ho analizzato e verificato l’efficacia del Knowledge Centre dell’ospedale di Udine nel supportare lo sviluppo della professione medica. La rapida e continua evoluzione della medicina ed in generale delle conoscenze biomediche, nonché l'accrescersi continuo delle innovazioni sia tecnologiche che organizzative, rendono sempre più difficile per il singolo operatore della sanità mantenere aggiornate le proprie conoscenze. Nell’ambito del programma di Educazione Continua in Medicina (ECM) è stata istituzionalizzata in Italia, con il decreto legislativo n. 229 del 19 giugno 1999, l’attività di formazione continua rivolta agli operatori sanitari. Il progetto di educazione continua, descritto ampiamente nel primo capitolo di questo lavoro, presenta numerose problematiche e invita a riflettere su quanto possa essere logico ed efficace per migliorare la propria professionalità, totalizzare il numero di crediti formativi annui assegnati in base alla partecipazione ad eventi congressuali e, procedura che si sta man mano concretizzando, corsi di formazione a distanza (FAD). Questa modalità di assegnazione dei crediti, non può essere la sola e principale prassi di garanzia formativa. Occorre impostare, allo stesso tempo, un sistema che riconosca crediti per lo sviluppo di capacità tecnico-

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

andrea roselli
e-learning
ecm
educazione continua in medicina
fad
formazione
knowledge management
risorse umane
sviluppo professionale continuo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi