Skip to content

L'antipolitica come problema. Teorie e riferimenti empirici.

Informazioni tesi

  Autore: Franco Di Lonardo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi del Piemonte Orientale A.Avogadro
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Silvano Belligni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 215

La parola antipolitica ricorre con un’intensità sempre più frequente nella stampa, nei mass media, nelle pubblicazioni scientifiche specializzate e anche nei discorsi di tutti i giorni. È un termine che esprime un generico sentimento di avversione alla politica, diffuso (sia pur in quantità diverse) nelle società più avanzate in Europa, ne-gli Stati Uniti, in Giappone. All’antipolitica sono ricondotti, con alcune forzature, una serie di fenomeni apparentemente differenti: l’astensionismo elettorale, la mancanza di fiducia nelle istituzioni politiche, la crisi dei partiti tradizionali, la delegittimazione della classe politica, il successo politico ed elettorale raccolto da movimenti eterogenei (ambientalisti, radicali, di estrema destra, neoliberali e antistatalisti, neopopulisti) ma alternativi agli altri partiti. Ma cosa s’intende veramente con antipolitica? Basterebbe pensare alla molteplicità di significati che assume la parola politica, per render-si conto di quanto sia difficoltosa una definizione del suo concetto opposto, l’antipolitica. La parola politica indica sia una realtà oggettiva (il fare politica) che la teoria che studia tale oggetto. Anche la parola antipolitica possiede un duplice significato: teorico (in relazione alle diverse concezioni di politica) ed empirico (un complesso di atteggiamenti e orientamenti rivolti al sistema politico).
Lo scopo di questa tesi di laurea è quello di definire il concetto di antipolitica sul piano teorico e di stimare la diffusione del fenomeno a livello empirico. Nella prima parte di questo studio il concetto di antipolitica è messo a confronto con altri concetti con i quali è (a nostro avviso, impropriamente) confusa: impolitica, apolitica, apatia politica, populismo, qualunquismo. Dopo avere ribadito la natura culturale dell’antipolitica (secondo la definizione di Almond), essa viene studiata sul piano empirico, utilizzando diversi sondaggi: fiducia nelle istituzioni statali e non statali, fiducia nella classe politica (trattando il problema corruzione), interesse per la politica e soddisfazione per il funzionamento della democrazia. Non mancano indicatori più concreti quali i dati sull’astensionismo elettorale, le iscrizioni ai partiti, i referendum.
La ricerca è condotta prevalentemente su base europea (paesi Ue) con un approfondimento sulla situazione italiana. Il periodo privilegiato è il ventennio 1980-1999, con qualche digressione negli anni precedenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE “Effettivamente non faremmo errore di termini se volessimo chiamare il suo scritto un libello politico, anche se assume proprio una tendenza antipolitica, cioè conservatrice. (…) Ma l’antipolitica è anch’essa una politica, giacché la politica è una forza terribile: basta solo sapere che esiste, e già ci si è dentro, si è perduta per sempre la propria innocenza”. (Thomas Mann, Considerazioni di un impolitico, Milano, Adelphi, 1997, pp.417-418). L’antipolitica non è un fenomeno nuovo. Già in passato, molti movimenti populisti hanno posseduto una forte carica antipolitica, rivolta contro le élites politiche, economiche e finanziarie del proprio paese; l’antipolitica è stata, inoltre, la caratteristica distintiva di movimenti come il qualunquismo in Italia e il poujadisme in Francia. Lo storico Luigi Salvatorelli aveva scritto, a proposito del movimento di Guglielmo Giannini, che esso riproponeva “la vecchia scemenza dell’antipoliticità”. 1 È interessante, più del giudizio negativo, l’uso dell’aggettivo “vecchio”: nel 1946 si parlava di antipoliticità quasi come una reminiscenza del passato, destinata presto a scomparire, che il solo Giannini aveva avuto il coraggio di riproporre. In realtà, il fondatore dell’Uomo qualunque, aveva compreso uno stato d’animo 1 Luigi Salvatorelli, “Monarchia svelata”, Nuova Europa, 24 febbraio 1946. Il giudizio di Salvatorelli sul qualunquismo è riportato da Sandro Setta (1995b p.49).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antipolitica
astensionismo
demagogia
elezioni
politica
populismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi